BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RETROSCENA/ I dubbi del Colle sulla lista di Renzi

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Matteo Renzi ha presentato la squadra dei ministri. Annunciata alle 16, la lettura dei nomi è arrivata attorno alle 19, dopo circa due ore e mezza di confronto con Giorgio Napolitano. Qualcosa deve essere andato storto: nomi sostituiti all’ultimo? Resistenze del presidente della Repubblica di fronte alle personalità indicate? Nel nuovo esecutivo, al posto di Mario Mauro alla difesa ed Emma Bonino agli Esteri – fortemente voluti dal Colle – il premier ha indicato rispettivamente Roberta Pinotti e Federica Mogherini. Quello che si sono detti Renzi e Napolitano è un mistero: per cercare di indagare i retroscena abbiamo contattato Luciano Ghelfi, caporedattore del Tg2.

 

Due ore e mezza di colloquio prima di sciogliere la riserva. Non è andato tutto liscio…

Penso che sia una sorta di record; non ricordo in tutte le crisi di governo alle quali ho assistito un colloquio tanto lungo tra il presidente del consiglio incaricato e il presidente della Repubblica, nemmeno nei momenti più complicati come furono, per esempio, quelli della formazione del primo governo Berlusconi, nel 1994, quando Previti fu spostato dalla Giustizia alla Difesa...

 

Qualche nome secondo lei è stato cambiato all’ultimo?

È indubbio ed evidente che ci sia stato qualche problema sulla lista dei ministri. Il presidente della Repubblica lo ha fatto presente e per questo è servito tempo per sciogliere i nodi.

 

Napolitano non voleva “cedere” forse su nomi quali Bonino e Mauro, fortemente voluti nell’esecutivo Letta?

Sì, com’è anche possibile che su altri nomi circolati in questi giorni il Quirinale abbia fatto valere la ragione d’opportunità in relazione, per esempio, a  qualche altra personalità. Per esempio Mauro Moretti, visto il processo che ha in corso per il gravissimo incidente ferroviario di Viareggio, non era il caso che diventasse ministro. Quindi, sia in entrata che in uscita c’è stato qualche intoppo. Poi...

 

Poi?

Credo che sino all’ultimo sia ballata la casella sulla Giustizia (Andrea Orlando è il nuovo Guardasigilli, ndr).

 

Attriti, più o meno forti, tra Renzi e Napolitano dunque?

Tutto fa pensare che tra i due ci siano state parecchie "incomprensioni". Di sicuro c’è stato un lavoro molto grosso di mediazione e probabilmente inatteso da entrambi.

 

Napolitano non ha parlato con Renzi al fianco e andando via ha sostanzialmente detto che, pur sperando che il governo faccia il suo lavoro e duri, la mano sul fuoco non ce la mette…

In realtà, per quanto riguarda la lettura dei nomi della squadra di governo, la liturgia è stata esattamente identica: sia Renzi che Letta hanno presentato i ministri da soli. In un secondo momento, è vero, a differenza di Renzi Letta uscì di nuovo con Napolitano, che parlò.  È chiaro che il capo dello Stato l’esecutivo Letta lo sentiva più suo, mentre questo governo gli appartiene molto meno: la sua presa di distanze la leggo in questo modo.

 

Ci dobbiamo aspettare, nel prossimo futuro, le dimissioni di Giorgio Napolitano?



  PAG. SUCC. >