BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIDUCIA GOVERNO RENZI/ Senato, il testo integrale del discorso di Matteo (video)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Ecco perché noi proponiamo a questo Senato di uscire dal genere letterario che i talk show hanno sostanzialmente sdoganato, un genere letterario per il quale non vi è trasmissione che non parta da un giudizio impietoso sulla situazione italiana, e poi con un servizio di una troupe all'estero che racconta come all'estero invece le cose vanno perfettamente bene e tutto sia straordinariamente bello e felice. Ormai è diventato un focus letterario; ormai noi abbiamo come punto di riferimento il fatto che nelle trasmissioni televisive, nei talk show, fuori da qui, fuori dall'Italia, tutto va bene e da noi tutto va male: non è così. Usciamo dal coro della lamentazione; proviamo a immaginare un percorso concreto in cui la differenza tra sogno e obiettivo - ha detto qualcuno - è una data. Diamoci delle scadenze e proviamo ad allungare il lavoro di questi anni dando concretamente dei passaggi puntuali. Questo consente di arrivare al 1° luglio - qualcuno dice - avendo fatto i compiti a casa; questo consente di arrivare, cioè, all'appuntamento con il semestre europeo dando un valore non meramente formale a quell'appuntamento, ma dandogli un valore sostanziale.

Non  tedierò  la  vostra  pazienza  con  un'analisi,  che  pure  sarebbe  doverosa  (ma  non mancheranno altre occasioni), sulla situazione di profondo sconvolgimento istituzionale internazionale. Su come il mondo fuori dall'Italia stia cambiando e come paradossalmente questo mondo riduca lo spazio dell'Europa, riduca il margine di potere che l'Europa ha. Non vi tedierò su questo, ma penso di avere il dovere di dire al Senato della Repubblica che se vogliamo immaginare che il semestre europeo sia una cosa seria noi dobbiamo raccontare, spiegare, pensare che tipo di Europa immaginiamo nella cornice internazionale che sta mutando. Non possiamo immaginare che il semestre europeo sia semplicemente l'occasione per fare le nomine per le nuove istituzioni. Questo è il punto centrale del semestre europeo, e non saremo credibili se non riusciremo ad arrivare al semestre europeo avendo sistemato ciò che dobbiamo sistemare noi. Capisco che in quest'Aula, come alla Camera, come nell'opinione pubblica, ci sia la facile tendenza a considerare l'Europa la madre dei nostri problemi. Vorrei dire non soltanto che per me e per il Governo che ho l'onore di presiedere non è così, ma che nella tradizione europea- europeista sta la parte migliore dell'Italia, che nella tradizione europea-europeista, nei valori di libertà e democrazia sta la certezza che l'Italia ha un futuro e non soltanto un passato. E quando penso a quell'uomo che in un'isoletta immaginava gli Stati Uniti d'Europa mentre infuriava il conflitto, quando penso a quell'uomo che, in un momento di difficoltà per il nostro Continente e di confronto fratricida, riusciva a intuire, a immaginare, in qualche modo a profetizzare in modo laico una visione degli Stati Uniti d'Europa, mi sento orgoglioso di essere appartenete alla storia italiana.

Il punto è che mettere a posto le cose di casa nostra non deriva da un obbligo europeo: non è la signora Merkel o il governatore Draghi a chiedere di essere seri con il nostro debito pubblico: è il rispetto che dobbiamo ai nostri figli, alle generazioni che verranno; è il rispetto che dobbiamo alle persone che verranno dopo di noi che ci impone di guardare ai conti pubblici in modo diverso da come è stato fatto da chi ha scialacquato nel corso degli ultimi decenni. Questo è il punto centrale. E se noi siamo in condizione di arrivare al 1° luglio avendo affrontato i temi costituzionali, istituzionali, elettorali, di lavoro, di fisco, di pubblico impiego, di giustizia e impostato un diverso atteggiamento verso la scuola, propongo a questo Senato e alla Camera dei deputati di essere in grado di vivere il semestre europeo come l'occasione in cui guidare le istituzioni dell'Europa per sei mesi studiando una proposta affinché nei prossimi 20 anni potremo guidare l'Europa politicamente, in un percorso che riguarda i nostri figli e che è uno dei punti centrali della credibilità delle istituzioni.

Se  questo  è  vero,  ho  il  dovere  di  entrare  nel  merito  delle  modalità  con  cui  questo atteggiamento deve diventare realtà. Ho anche il dovere di dirvi che la subalternità culturale con la quale, troppo spesso, si è considerata l'Europa come la nostra matrigna è una subalternità culturale della quale possiamo liberarci solo noi. Non possiamo immaginare che qualcun altro risolva i nostri problemi. Noi viviamo in un momento in cui la generazione «Erasmus», che tra l'altro è rappresentata al Governo, ha conosciuto il sogno degli Stati uniti d'Europa come concretezza, che ha conosciuto l'euro come unica moneta o quasi. Di fronte a questa generazione, noi avvertiamo il bisogno di indicare una prospettiva di futuro e non di vivere di rimpianti e di ricostruzioni fasulle del passato. Propongo a questo Senato di essere la legislatura della svolta. Avrei preferito che questo passaggio fosse stato preceduto da un chiaro mandato elettorale. Ma sappiamo come sono andate le elezioni. Oggi proponiamo di essere nella condizione di valutare  una  scelta  politica.  Non  vi  sorprenderà  il  fatto  che  in  questo  Governo  sono rappresentati  i  segretari  dei  maggiori  partiti  perché  questo  è  un  Governo  politico  e  noi pensiamo che la parola politica non sia una parolaccia. Noi pensiamo di poter andare nelle piazze a dire che la politica che noi abbiamo in testa è reale, vera e precisa. Noi pensiamo che non ci sia politica alcuna che non parta dalla centralità della scuola.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >