BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DIETRO LE NOMINE/ Bechis: la Guidi è un "regalino" di Renzi a Berlusconi

Federica GuidiFederica Guidi

Il ministro Guidi ha negato che quella cena sia mai avvenuta, e quindi sto a quello che ha detto lei. Certamente si tratta di un personaggio che piace a Berlusconi, questo era noto e lei stessa ha ammesso che le era arrivata la proposta di Alfano quando ancora era il segretario del Pdl per una candidatura alle scorse elezioni. Renzi ora vuole mandare un segnale di distensione a Silvio Berlusconi, e magari è proprio ciò che il Cavaliere gli aveva chiesto in quei cinque minuti di faccia a faccia avvenuto tra i due durante le consultazioni.

 

Il ministro Guidi sta antipatica a De Benedetti perché è una sua concorrente nel campo dell'energia?

Non mi spingo fino a tanto, ma basta che la neo-ministra sia etichettata come berlusconiana per fare scattare delle antipatie. Esiste un accordo politico tra Renzi e Berlusconi che riguarda in primo luogo le riforme istituzionali. In questo contesto politico, la nomina della Guidi è un segnale positivo inviato da Renzi a Berlusconi. Non piacerà a Repubblica, ma mi sembra normale che non tutte le caselle siano occupate dal quotidiano di De Benedetti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.