BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGA NORD + M5S/ "Nel 2005 lasciai Bossi per Beppe Grillo, ma…"

Pubblicazione:martedì 11 marzo 2014

Il capo del Carroccio, Matteo Salvini (Infophoto) Il capo del Carroccio, Matteo Salvini (Infophoto)

Sul sito di Beppe Grillo è stato pubblicato un post intitolato "E se domani…" che fa l'occhiolino a una possibile dissoluzione dell'Italia. Il testo si conclude ripescando una vecchia idea di Gianfranco Miglio. Il professore, che per anni fu l'ideologo della Lega nord, ipotizzava la separazione del nostro paese in tre grandi macroregioni: la Padania, l'Etruria e la Mediterranea. Il post ha fatto esultare il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, e il Presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, che hanno dato entrambi il benvenuto al nuovo alleato nella lotta contro Roma ladrona. A Franca Equizi, che ha lasciato la Lega nel 2005 e dopo aver tentato un avvicinamento ai 5 Stelle, e adesso guida l'associazione "Sos Giustizia e Legalità" di Vicenza, abbiamo chiesto se questo matrimonio "s'ha da fare".

Se lo aspettava un Beppe Grillo in versione secessionista?
Grillo aveva già avuto contatti con la Lega della prima ora. Se ricorda, Funari doveva essere candidato a Roma e Grillo a Genova, entrambi per la Lega. Quel contatto risale a uno dei primi ritrovi di Pontida.

Ci ricordi anche come andò a finire.
Non se ne fece niente. Funari è rimasto molto amico e in un'intervista televisiva disse che rinunciava perché era stato minacciato. Grillo invece sparì. Ma se guardiamo bene, affinità tra Lega e 5 Stelle delle origini ci sono sempre state. In partenza erano entrambi contro la globalizzazione. A Grillo, che dice di essere contro la globalizzazione, bisognerebbe tuttavia chiedere perché intorno al 2008 andò a pranzo dall'ambasciatore americano quando qua a Vicenza c'era la battaglia per la base militare americana. Cosa c'è andato a fare? Ci sono stati anche altri passaggi.

Ci dica quelli più importanti.
Ad esempio, sul presidente della Repubblica, Bossi è stato un maestro di Grillo. Anche il discorso "Fuori dall'euro": ricordo di aver raccolto firme pro lira quando ero ancora nella Lega. Oppure il tema dell'immigrazione, del potere ai popoli, della conservazione del territorio. Anche qui, Grillo dice: no al consumo del territorio, poi fa un abuso edilizio che viene sanato con il condono… Ci sarebbe da dire anche su quel "potere ai popoli"…

Prego.
Nel Movimento 5 Stelle il potere non è più del popolo ma del duo Grillo-Casaleggio. Vedo però una grossa differenza tra Lega, almeno quella delle origini, e i 5 Stelle.

Che differenza?
La democrazia interna. Che nella Lega c'era, almeno fino a quando sono entrati certi marpioni: da quel momento in poi non c'è più stata democrazia ma l'ordine di votare. I primi anni mi ricordo che qualsiasi cosa veniva messa in discussione, si facevano i congressi. Questo non lo vedo invece nel Movimento 5 Stelle, vedo solo la dittatura Grillo-Casaleggio. L'impressione che si ricava invece dagli ultimi passaggi - secessione, macroregioni, eccetera – è che Grillo sia in grosse difficoltà.

In che senso scusi?


  PAG. SUCC. >