BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GOVERNO OMBRA/ Chi sono i ministri "anti-Renzi": i nomi

Pubblicazione:

Vincenzo De Luca (Immagine Facebook)  Vincenzo De Luca (Immagine Facebook)

GOVERNO OMBRA: CHI SONO I MINISTRI "ANTI-RENZI"? - Vincenzo De Luca, attuale sindaco di Salerno (ex Sottosegretario del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nel governo Letta) ed esponente di primo piano del Partito Democratico, nel neo nato governo ombra targato Forza Italia, presentato questa mattina in piazza San Lorenzo in Lucina sede romana del partito azzurro. La squadra anti-Renzi è nata da un idea di Gianfranco Rotondi che, provocatoriamente, ha scritto il nome di De Luca nella casella riservata al Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture. Per bocca del suo braccio destro, Franco De Luca, ecco il perché della scelta: “Vincenzo De Luca è una persona di grande valore. È stato preso in giro fino all'ultimo momento da Renzi e sono convinto che sarebbe un ottimo ministro dei Trasporti”. Escluso dal Renzi I, ecco spalancate le porte dello shadow cabinet, ma l’esponente democratico ha prontamente replicato all’uscita del forzista: “Ringrazio Rotondi per il gesto di cortesia rivolto a un esponente del Pd. Si tratta, come è del tutto evidente, di una provocazione politica tendente a sollevare discussione nel Paese” e aggiunge: “Per quel che mi riguarda, come è ovvio, sono impegnato a sostenere lo sforzo di concretezza e di innovazione dell'attuale governo. Le misure annunciate ieri da Renzi sono di straordinaria importanza in sé e per il clima di fiducia che già stanno creando nel Paese". Per quanto riguarda dunque la composizione del governo ombra ecco Gianfranco Rotondi premier, Stefania Prestigiacomo agli Esteri, l'economista Antonio Martino alle Finanze, Daniela Santanche' alla Difesa e Francesco Nitto Palma all'Interno. Poi, Federico Tedeschini alla Giustizia, Nicolò Sella allo Sviluppo economico, Pietro Tarsitano alla Salute, Raffaele Coppola alle Politiche agricole, Alda Boscaro ai Beni culturali, Stefania Fuscagni all'Istruzione, Laura Ravetto all'Ambiente, Renata Polverini al Lavoro e Politiche sociali. Presenti anche i ministri senza portafoglio: Carlo Arrigo Pedretti (alla Pubblica amministrazione), Giancarlo Galan (agli Affari regionali) e Michela Biancofiore (alle Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento).



© Riproduzione Riservata.