BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL SONDAGGIO/ Amadori (Coesis): c'è un "Ulivo di destra" che vale più di Renzi (31%)

Pubblicazione:domenica 2 marzo 2014

Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto) Silvio Berlusconi con Angelino Alfano (Infophoto)

Ad un test elettorale importante come le elezioni regionali in Sardegna. È vero che ha vinto Francesco Pigliaru, candidato del centro-sinistra, ma la lista di centro-destra a sostegno di Mauro Pili – che ha preso più del 5% –, con la sua fuoriuscita, ha sottratto questi voti a Ugo Cappellacci, che altrimenti avrebbe vinto. In ogni caso, considerando la somma delle liste e dunque analizzando il voto di appartenenza, il centro-destra ha preso più preferenze del centro-sinistra.

 

E il Pd di Renzi quanto vale?

Intorno al 31%, ma il Partito democratico ha il problema di trovare gli alleati. Il Pd rischia di perdere contro un “Ulivo” di centro-destra. Mi spiego: oggi la situazione è rovesciata rispetto a quella del 2006. All’epoca c’era una grande ed eterogenea alleanza di centro-sinistra che si contrapponeva a una gigantesca Forza Italia. Oggi, invece, è il contrario: il Pd è nettamente il primo partito (ma è fondamentalmente da solo), che si deve guardare dalla somma complessiva raccolta dal bacino del centro-destra.

 

E Grillo? Le ultime vicende hanno forse indebolito il M5S?

Non appare in calo, rimane sul 20%. Questo perché c’è un livello ormai fisiologico di antipatia verso la politica ufficiale.

 

Come sta il Nuovo Centrodestra?

È piccolino, ed è al pelo con la soglia del 4%.

 

Infine, cosa pensano gli italiani di Giorgio Napolitano?

I livelli di fiducia verso il presidente Napolitano sono andati costantemente scendendo nel corso dell’ultimo anno. La curva è in calo. Rimane ovviamente una figura molto apprezzata e stimata (com’è sempre stato il presidente della Repubblica nel nostro Paese) però effettivamente è come se si percepisse un po’ di stanchezza nell’opinione pubblica. Ha forse esercitato un ruolo troppo forte per troppo tempo e questo lo ha un po’ usurato.

 

(Fabio Franchini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.