BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGIO/ Pd avanti, testa a testa Forza italia-M5S. In coda Ncd e Lega...(20 marzo 2014)

Pubblicazione:

(Infophoto)  (Infophoto)

SONDAGGIO ELETTORALE. Sky Tg24 ha pubblicato "La bussola dei sondaggi", relativa al 20 marzo 2014, in vista delle ormai imminenti elezioni europee che si terranno il prossimo 25 maggio. I dati raccolti sono stati poi proiettati sulla legge elettorale dell'Italicum, così da vedere, a livello nazionale, chi possiede attualmente la maggioranza. Passiamo dunque ai dati.

Per effetto dell'elaborazione dei dati, sarebbe il Partito Democratico ad avere la maggioranza, con una media del 31,3%. Subito dopo, ecco Forza Italia, che otterrebbe il 22,3% delle preferenze. A seguire, il Movimento 5Stelle con il 22,1%; il Nuovo Centrodestra, che si attesta al 4,3% e la Lega Nord, ferma al 4%. La soglia di sbarramento prevista per effetto della nuova legge passata alla Camera dei Deputati, è del 4,5%. Quindi attualmente il NCD e la Lega sarebbero esclusi dal Parlamento. La vittoria si deciderebbe comunque al ballottaggio, dato che nessuna coalizione riuscirebbe a raggiungere il 37%  necessario per fruire del premio di maggioranza.

Ponendo che al ballottaggio il Pd riuscisse a spuntarla, i dem, alla Camera, avrebbero 321 seggi; 150 parlamentari per Forza Italia e 147 per il Movimento 5 Stelle. I restanti 12 seggi saranno riservati alle minoranze estere e molto probabilmente questo sarà un dato che non avrà cambiamenti. In caso di vittoria di un altro partito, in questo caso Forza Italia, il partito azzurro otterrebbe la maggioranza con i 321 parlamentari fissi, mentre  174 seggi andrebbero al Partito Democratico e 123 ai 5 Stelle.

La panoramica di Sky Tg24 nasce da una media di vari sondaggi nazionali. L’emittente ha preso poi come esempio il 4,3% che voterebbe il Nuovo Centrodestra. IPR per Porta a Porta attribuisce al partito il 4,5%, EMG per TGLa 7 il 3,8%, IPSOS per Ballarò il 5%, DATAMEDIA per Il Tempo il 4,5% e IXE per Agorà il 3,7%. Per quanto riguarda le coalizioni, sembra chiaro che il centrodestra sarà formato da Forza Italia, Nuovo Centro Destra e Fratelli d'Italia, mentre nel centrosinistra è tutto da verificare, dato che il Pd deve scegliere se allearsi con Sinistra Ecologia e Libertà o con Scelta Civica.

Il Partito Democratico vede una forbice piuttosto larga, che parte dal 28% di IPR fino al 34,3% decretato da IPSOS, mentre Forza Italia oscillerebbe tra



  PAG. SUCC. >