BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Polito: Matteo, chi si beve la balla sui conti truccati da Letta?

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Beh, al Parlamento, a una maggioranza che non è d’accordo su tutto il progetto di riforma e a un partito di maggioranza relativa, come il Pd, che non è del tutto schierato con Renzi su questo tema. Insomma, l’alleanza regge perché, al momento, Berlusconi non si è ritirato da quest’operazione, ma si cammina su un filo sempre più sottile che si può spezzare, soprattutto al Senato (e non sulle quote rosa).

 

È comunque una legge che mira a far fuori i piccoli partiti e schiacciare la rappresentanza…

La legge su cui si sta discutendo non la conosciamo ancora nel dettaglio e in questo caso i dettagli sono importanti: se si fissa la soglia per il premio al 40% è un conto, se è al 37% è un altro. Se la soglia per entrare in Parlamento, in coalizione, è al 4 o al 5 cambia. Ecco, certamente è un’idea di legge elettorale che si discosta molto dalla rappresentatività proporzionale; punta più a garantire la maggioranza che la rappresentanza. Inevitabilmente questo modello colpisce le forze più piccole, premiando – anche in maniera esorbitante – quelle più grandi. Attenzione che non superi i limiti di costituzionalità, perché si rischia di deformare troppo il voto popolare. Il Porcellum è già stato bocciato, motivo per il quale chi scriverà la nuova legge ha tutti gli interessi ad attenersi alle indicazioni date dalla Consulta.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.