BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RUMORS/ Forza Italia, c'è aria (pesante) di scissione

Pubblicazione:lunedì 14 aprile 2014

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Cambiare registro, scatto d'orgoglio, ritorno alle origini del 1994. Obiettivi tanto chiari, quanto difficili da raggiungere. Forse ne sarebbe capace solo il miglior Berlusconi, non un politico azzoppato e marginalizzato dalle sentenze giudiziarie, che dovrà ringraziare se i giudici gli concederanno blandi servizi sociali, a patto che l'argomento giustizia sparisca dalla sua bocca. Intorno al leader, al contrario, si diffonde un clima da bunker della Cancelleria, dal quale è facile perdere il contatto con la realtà. 

L'incontro con Renzi per aggiustare il tiro sulle riforme sarebbe un toccasana, ma probabilmente non ci sarà, troppo scomodo per il premier, anche se le diplomazie mantengono discreti collegamenti, con Verdini in prima fila. Ma si comincia a disperare di riuscire a evitare il sorpasso dei Grillini. Forza Italia sembra destinata a doversi rassegnare al terzo posto e la linea del Piave viene considerata quella del 20 per cento, quota oggi messa in dubbio da buona parte dei sondaggi. Se gli azzurri saranno al di sopra di questa soglia, la lotta sarà probabilmente interna al partito. Al di sotto il rischio concreto è quello che scatti il "tutti a casa", o meglio il "si salvi chi può".

Nebbia fitta intorno alle forme che i fuoriusciti da Forza Italia daranno alla loro presenza politica: potrebbe essere una semplice diaspora, oppure potrebbero esserci punti di coagulo. Fra i corridoi di Camera e Senato si sussurra da qualche giorno di tentativi di formare nuovi gruppi parlamentari in fase avanzata, ma che dovrebbero concretizzarsi solo all'indomani di un risultato deludente nelle urne del voto europeo. Certo, per avere una chanche di riuscita questo progetto politico ha bisogno che le elezioni politiche non arrivino troppo presto. Al contrario, la liquefazione politica di Forza Italia potrebbe costituire una forte tentazione per Renzi di andare a incassare il favore popolare, con o senza la riforma elettorale. 

Esclusivamente Berlusconi sarebbe in grado di spezzare la cappa asfissiante che avvolge il partito azzurro. Il clima è cupo, l'arresto dell'amico e co-fondatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri non aiuta di sicuro. Lui però rimane convinto che l'operazione rimonta sia possibile, come accadde un anno fa, basta che i giudici non siano troppo severi con lui. Stavolta però la battaglia sarà più dura e difficile di tutte quelle che l'hanno preceduta. Perché potrebbe essere l'ultima.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.