BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CAOS NCD/ Il dissidente: ecco perché chiediamo ad Alfano di farsi da parte

Per PAOLO NACCARATO (Ncd) occorre mettere insieme la maggioranza degli italiani che hanno una visione moderata e popolare. E’ una sfida che ha bisogno di leadership e identità chiare

Angelino Alfano e Maurizio Lupi (Infophoto)Angelino Alfano e Maurizio Lupi (Infophoto)

Sedici senatori del Nuovo Centro Destra hanno firmato una lettera al loro leader, Angelino Alfano, nella quale gli chiedono di lasciare il suo incarico all’interno del partito. La missiva è stata scritta il 15 aprile e consegnata a Gaetano Quagliariello, il quale l’ha fatta avere personalmente al ministro dell’Interno. A scatenare i malumori è stata la scelta si candidare Lorenzo Cesa e Giuseppe Scopelliti ai primi due posti nella circoscrizione Sud. Tra i firmatari c’è il senatore Paolo Naccarato, il quale a Il sussidiario.net sottolinea che “occorre superare l’attuale fase attraverso la creazione di un grande movimento popolare dei moderati, in grado di ottenere il consenso della maggioranza degli italiani”. Naccarato apre alla partecipazione di Berlusconi al nuovo soggetto politico, spiegando che “se mai arriverà questo momento, lo deciderà il presidente Berlusconi”.

Senatore Naccarato, è possibile una scissione di Ncd?

No.

Perché ritiene che la vostra lettera non porterà a uno sbocco di questo tipo?

Perché nella situazione data lo sbocco può essere soltanto la creazione di un grande movimento popolare, che guardi al futuro e non al passato. Tutte le forze devono trovare la loro dignità, nel tempo necessario perché ciò avvenga. Adesso ci sono le elezioni europee ed è a questo appuntamento che dobbiamo guardare.

Questa lettera ha a che fare con una questione di esclusioni dalle liste per le Europee?

A essere sul tappeto è una serie di questioni. Sono tutti nodi che con un po’ di buona volontà si possono sciogliere. Lei prima ha parlato della necessità di creare un grande movimento popolare moderato.

E’ davvero possibile finché Berlusconi è ancora in campo?

E perché no?

Lo farete con Berlusconi o senza di lui?

Se mai arriverà questo momento, lo deciderà il presidente Berlusconi.

Ncd e Forza Italia si riuniranno in un solo partito?