BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

NUOVO SENATO/ Morra (M5S): quello di Renzi è morto, noi stiamo con FI e Chiti

InfophotoInfophoto

Su questo provvedimento ci potrebbe essere una convergenza, ma dipende sempre dall’oggetto di discussione. Faccio un altro esempio: chiunque – compreso Matteo Renzi – ci dovesse proporre il reddito minimo di cittadinanza (ragionando ovviamente bene sulle coperture), ci troverebbe sempre pronti e disposti ad approfondire il merito di una questione che farebbe il bene degli italiani. Se si tratta di cose giuste, sensate, valide e a difesa dei diritti del cittadino, non è importante da chi provengano: per quale motivo non dovremmo farle nostre?

 

A proposito, si potrebbe venire a creare uno strano trio che vede voi a braccetto con parte del Pd e Forza Italia, visto che anche gli azzurri spingono per un Senato elettivo.

Oggi in Commissione ho sentito Paolo Romani ricordare che l’alleanza Renzi-Berlusconi era stata fatta affinché, in contemporanea, si approvasse la riforma del Titolo V e quella elettorale. Sui singoli aspetti delle questioni noi possiamo entrare in convergenza con tutti. Ma, sottolineo, si tratta di singoli aspetti. Poi se gli altri fanno accordi presso le stanze del Nazareno non è un problema nostro…

 

Traballa dunque anche l’Italicum? Dopo le Europee, che potrebbero vedere il Movimento 5 Stelle consacrarsi come seconda forza politica italiana, il testo della legge potrebbe tornare fortemente in discussione?

Allora: la nostra legge elettorale è quella voluta da cittadini attivisti che hanno concorso sulla rete alla delineazione del testo, che a breve verrà scritto e depositato presso gli uffici delle due Camere. Dell’Italicum – che è nato per uccidere il Movimento 5 Stelle, per loro stessa ammissione – a noi interesse ben poco: a noi urge restituire la parola i cittadini. Il popolo deve tornare a essere sovrano: mantenere in sella un terzo presidente del Consiglio che nasce da una manovra di palazzo non sarebbe certo il trionfo della democrazia che noi invece perseguiamo. Loro hanno paura del fatto che il Movimento, accreditato come uno dei due competitori finali, è sempre più forte e radicato: hanno così messo in dubbio la loro stessa legge elettorale, facendo un autgol.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.