BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CARCERI/ Manconi (Pd): l'appello del Papa e di Napolitano? Renzi è contro

InfophotoInfophoto

Non mi permetto di entrare nel merito di possibili contrasti all'interno dell'esecutivo; non vedo però in Orlando un atteggiamento ostile. È successo però che il capo del governo e la responsabile giustizia del Pd (Alessia Morani, ndr) abbiano escluso risolutamente il ricorso a questi provvedimenti, che vengono trattati alla stregua di ipotesi bizzarre e semilegali quando invece appartengono per intero alla nostra carta costituzionale e sarebbero sacrosanti.

Forse sotto elezioni amnistia e indulto non sono molto popolari, non crede?
Sono misure impopolari prima, durante e dopo le elezioni… in ciò riflettono un'opinione che corrisponde al senso comune, è vero. Io però ritengo che compito della classe politica sia quello di assumersi la responsabilità anche di provvedimenti impopolari. 

Quindi?
Si dovrebbe aver la forza morale e politica di prendere decisioni che, se condivise dalla maggioranza del Parlamento, contribuirebbero anche ad abbattere anche i costi. Se invece ci si preoccupa del fatto che due partiti autoritari e antiliberali come Lega e M5S possano lucrare elettoralmente, beh, certo, a quel punto si agisce di conseguenza…  

Dia una ragione a Renzi e Berlusconi per fare qualcosa.
Se un provvedimento di indulto fosse condiviso dall'intera maggioranza di governo più Forza Italia, anche i costi elettorali sarebbero divisi tra questi partiti. Secondo me il senso di responsabilità dovrebbe indurre a correre questo rischio. 

Cosa pensa dell'appello sottoscritto unitariamente da enti, singoli e associazioni che chiedono cambiamenti radicali nell'approccio e nella conduzione del sistema carcerario italiano?
Avrei difficoltà a parlar male di un prodotto che ho contribuito a creare. Penso che sia importante lo sterminato elenco di associazioni che aderiscono e che non smettono di farlo, perché l'elenco si sta allungando. Ci sono tutti quelli che in Italia si adoperano per fare del carcere non solo un luogo di degradazione dell'umanità. 

Questa volta la politica è stretta tra papa Francesco e Napolitano da una parte, e la società civile dall'altra. Che sia la volta buona?
Purtroppo credo che nemmeno questa morsa non basterà a superare la resistenza impermeabile opposta da un ceto politico decisamente pavido.

Giovanni Tamburino, capo del Dap, ha dichiarato a Repubblica che molto è stato fatto: "abbiamo rimediato con grande fatica al problema dei 3 metri quadri"; e ancora, "sotto il profilo dello spazio ce l'abbiamo già fatta". È d'accordo? 
Quei termini usati da Tamburino mi paiono decisamente impropri. Se avesse detto che il problema era in via di risoluzione o: ancora alcuni mesi e lo risolveremo, sarebbe stato più aderente a una prospettiva, non dico alla realtà. Si vada a controllare a San Vittore, a Marassi e a Poggioreale. 

Tamburino dice anche che manca la riforma della custodia cautelare.