BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ELEZIONI EUROPEE 2014/ Il "libro dei sogni" dei candidati

InfophotoInfophoto

In conclusione, nessuno dei candidati europeisti è stato veramente convincente. Vedremo nelle urne quanti si esprimeranno per loro - i sondaggi indicano un astensionismo sopra il 50% - e quanti sceglieranno invece quegli untori di nazional-populisti. Come alla fine del Medioevo l’eresia mise in crisi il potere costituito, nonostante la caccia alle streghe e l’Inquisizione, magari anche l’Unione europea subirà la stessa sorte. L’Europa è nostra e la fanno i popoli! Questo si realizzerà se l’Ue diventerà una vera unione di stati sovrani, con la forte centralità dei parlamenti nazionali, una con-federazione di sovranità statali e popolari, e sarà abbandonata la dottrina francese e di Delors che voleva imporre la costruzione del super-stato europeo. Viva l’Europa!

© Riproduzione Riservata.