BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI EUROPEE 2014/ L’Altra Europa con Tsipras, il programma elettorale

(Infophoto) (Infophoto)

Anche le politiche di redistribuzione del reddito sono al centro del programma elettorale della lista Tsipras, che prevede anch'essa un reddito minimo garantito visto come un mezzo non contrapposto alla ricerca della piena occupazione, ma come uno strumento in grado di contrastare i ricatti nel mondo del lavoro affermando il diritto a un’esistenza dignitosa. Per quanto riguarda questo aspetto, va ricordato anche il punto che prevede la lotta alle delocalizzazioni dovute al basso costo del lavoro, tramite la fissazione di una serie di obblighi preventivi come la restituzione di incentivi o riduzioni fiscali godute grazie alla legislazione degli Stati ospitanti, oltre all’assunzione dei costi derivanti dallo smantellamento delle strutture industriali e dalla bonifica dei terreni. Altro punto qualificante del programma di Tsipras è il deciso no all'alta velocità tra Torino e Lione, reputata assolutamente inutile e in linea con una concezione tendente a collegare le grandi dorsali europee ormai da superare. Sul tema dei diritti civili, è poi molto forte il richiamo a temi come la parità di accesso all'istituto matrimoniale, alla adozione e alla possibilità di avere figli per tutti, a prescindere dal proprio orientamento sessuale. Non manca poi un corposo accenno alla questione della difesa europea, da realizzare con l'integrazione degli eserciti nazionali snellendoli e riducendo le risorse destinate agli armamenti. In questa ottica, si va ad inserire anche l'abbandono della Nato da parte degli stati aderenti nel nostro continente e il disarmo nucleare.

© Riproduzione Riservata.