BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati elezioni europee 2014/ Lista Tsipras, Centro: gli eletti in Toscana, Umbria, Marche e Lazio (oggi 27 maggio)

Risultati elezioni europee: Tsipras, le preferenze nella circoscrizione Centro. Buon risultato della lista di sinistra a sostegno del greco: 4.03% a livello nazionale

(Infophoto) (Infophoto)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2014, LISTA TSIPRAS PREFERENZE AL CENTRO (OGGI 27 MAGGIO 2014) – Se L’Altra Europa con Tsipras ce l’ha fatta a superare la soglia del 4% per entrare al Parlamento Europeo, lo deve in larghissima parte al risultato che la coalizione di sinistra è riuscita a ottenere nel Centro Italia, dove ha preso, sui 1.103.203 totali, 267.957  voti, ovvero il 4.70%. Entrando dunque nel merito della circoscrizione centrale, il capolista della Lista a sostegno del greco (che in patria ha fatto il pieno di consensi) era la giornalista, scrittrice e cofondatrice de La Repubblica Barbara Spinelli, che ha ottenuto 37.056  preferenze, precedendo Marco Furfaro, al quale ne sono andate 23.826, mentre in terza posizione troviamo Fabio Amato con 18.207. Ai gradini del podio ecco Lorella Zanardo (autrice del documentario Il corpo delle donne) con 16.265; dietro di lei Sandro Medici (13.462) e l’ex leader no global Luca Casarini 11.926. CLICCA QUI PER IL DETTAGLIO DELLE PREFERENZE DELLA LISTA TSIPRAS NEL CENTRO

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2014, LISTA TSIPRAS: LE PAROLE DI BARBARA SPINELLI Barbara Spinelli è una delle tre nuove deputato dell’Europarlamento eletta nella fila de L’Altra Europa con Tsipras, che in occasione delle elezioni europee di domenica 25 maggio ha ottenuto il 4.03% sufficiente per superare (seppur di un soffio) la soglia di sbarramento, grazie a 1.103.203. La giornalista e scrittrice italiana, tra le fondatrici del quotidiano La Repubblica, ha commentato la sua elezione (era candidata capolista nella circoscrizione centrale) lanciando frecciatine sia a Grillo che a Matteo Renzi: “La scarsa performance del Movimento 5 Stelle dimostra che la campagna è stata fatta non nel migliore dei modi e alla fine la grande paura che ha diffuso Grillo ha portato alcune persone ad astenersi e molte altre a votare per noi. La proposta italiana di Grillo non era chiara e non era chiara la politica di alleanza. Loro volevano andare al potere ma senza parlare con nessuno e questo in politica non si fa”. Mentre il Partito Democratico: “È in piena mutazione antropologica, è un partito che ha inghiottito e divorato l'elettorato di destra, acchiappa tutto e quindi significa che è sempre più difficile che possa rappresentare la sinistra ufficiale italiana”.