BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati elezioni europee 2014/ Lista Tsipras, Nord Est: le preferenze in Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Trentino e Veneto (oggi 27 maggio)

Con oltre 1 milione e 100mila voti raccolti a livello nazionale, L’Altra Europa con Tsipras ha conquistato in Italia il 4,03% delle preferenze totali. Ecco i risultati nel Nord-Est

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Con oltre 1 milione e 100mila voti raccolti a livello nazionale, la lista L’Altra Europa con Tsipras ha conquistato in Italia il 4,03% delle preferenze totali, superando il tanto temuto ostacolo della soglia di sbarramento e portando tre eurodeputati a Strasburgo. Più di 200mila voti sono arrivati dalla circoscrizione Nord-Est, quella che comprende Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto, dove la lista Tsipras ha raccolto il 3,66% (pari a 208.365 voti) senza però avere alcun seggio (gli eletti al Parlamento europeo provengono dalle circoscrizioni Sud, Centro e Nord-Ovest). Il candidato più votato al Nord-Est è stata Oktavia Brugger con 21.360 preferenze, seguita da Paola Morandin (19.913) e Ivano Marescotti (12.780). 

Non ce l’ha fatta Oktavia Brugger, la candidata con la Lista Tsipras nella circoscrizione Nord-Est che è rimasta fuori dal Parlamento europeo pur avendo ottenuto più di 21mila preferenze. “Grazie a tutte e tutti voi elettrici e elettori – ha scritto su Facebook - Con 21.446 preferenze nel collegio nord-est, di cui 15.787 in Sudtirolo, il seggio è mancato davvero per un soffio. Ma grazie a vostri voti L'Altra Europa con Tsipras sarà comunque presente al Parlamento europeo!”. Anche ieri, dopo aver visto il vero e proprio boom di preferenze, si era detta “commossa” e felicissima per il risultato raggiunto. Ha commentato quanto accaduto anche Paola Morandin, seconda nella lista Tsipras nel Nord-Est: "Da tutti – ha scritto anche lei su Facebook - ho ricevuto quella spinta che m'ha fatto arrivare se pur stramazzata, alla fine di questa campagna. Ho imparato. Ora mi sfiora un po' di delusione. L'ho provata per non esserci riuscita a rappresentare in quel parlamento gli operai, come ci siamo ripromessi. Ma ho provato grande felicità per quello 0,03 che ha fatto la differenza e permette a ognuno di noi di riconoscersi in quella determinante manciata di voti indispensabili che hanno dato alla lista L'Altra Europa con Tsipras e ai nostri 3 candidati italiani la possibilità di unirsi al resto degli eletti d'Europa".