BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO RENZI/ Quando il sentimento mette fine alla politica ideologica

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

I recenti risultati elettorali mostrano che, nel mondo post-ideologico, il politico non è costretto necessariamente ad inseguire le emozioni più facili, ma può anche cercare di sintonizzarsi con i sentimenti più costruttivi. Non è stato certamente Renzi a far cambiare atteggiamento agli italiani nei confronti degli immigrati. Ma egli ha avuto la capacità di raccogliere una novità seminata da altri, in primo luogo da papa Francesco che, con la sua visita non politica a Lampedusa, ha compiuto un gesto con vastissime conseguenze politiche. 

Attirando il consenso della speranza e battendo il voto della paura, Matteo Renzi ha posto le premesse per un profondo cambiamento del sistema politico italiano. Ma non gli basterà vincere in Italia. Il suo successo è in netta controtendenza rispetto ai risultati prevalsi in altri paesi europei. La sua capacità di andare controcorrente è indubbiamente un titolo di merito, ma è anche un motivo di fragilità. Si impone oggi a Renzi un impegno ancora più difficile: solo esportando la speranza anche altrove, infatti, il suo inatteso successo non sarà gelato dai venti freddi che vengono dal resto d'Europa. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.