BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ La vittoria di Renzi prepara il "golpe" delle riforme?

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Una tale operazione, tuttavia, presupporrebbe un approccio critico e costruttivo da parte delle nuove forze costituenti, con un ascolto attento anche a commentatori non di parte; inoltre, necessiterebbe di un'opposizione sicura, consapevole e capace di un'adeguata offerta politica. 

Indubbiamente, perciò, il compito più impegnativo spetta proprio all'opposizione, la quale, se intende andare alla ricerca di un nuovo «compromesso» costituzionale, deve trovare la via del dialogo. Altrimenti basterà far valere la «soggezione» delle minoranze per il varo delle nuove riforme. Ed è questo il vero rischio: dal «compromesso» alla «soggezione» costituzionale.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
29/05/2014 - Nulla di strepitoso (Andrea Gualtiero)

Prima di sbrodolare in entusiastiche approvazioni del nuovo "capo", facciamo un briciolo di matematica. Innanzitutto, il 42,3% degli elettori astenuti sono calcolati sul corpo elettorale intero. Invece il 41% del PD si calcola sUi rimanenti. Risultato: se li confrontiamo abbiamo il 23% del corpo elettorale Renziano ed il 42,3 non votante: non c'è confronto tra le due, effettive, entità. Secondo. Confrontare questi risultati del PD con la DC degli anni '50 è irrazionale. A quei tempi, infatti, votava più del 90% del corpo elettorale, oggi meno del 60%. Risultato: Renzi si avvicinerebbe a quel consenso solo a partire dal 65% dei consensi, altrimenti è di molto, molto, molto al di sotto. Terzo. Donare 80 euro al mese alla propria potenziale base elettorale e farlo due giorni prima esatti dalla realizzazione della promessa non è un colpo di genio, ma un esempio di scaltrezza mediterranea. Alla fine il numero dei votanti pro-Renzi coincide, sarà un caso?, con i beneficiati della prebenda che pagheremo, come sempre, noi Pantalone. Sono stati esclusi i veri poveri, perché loro non votano oppure votano Grillo, Lega o fratelli d'Italia. Sono stati esclusi i pensionati, perché tanto loro ormai votano quasi in modo meccanico. E tutti gli altri, ovviamente, cioè quel 20% di limoni da spremere e che mantengono l'intero Paese. Giornalisti, svegliatevi! Anzi, dormite bene, è meglio per chi se ne va.