BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Calderoli: ecco perché il 15% di Berlusconi vale più del 40 di Renzi

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Noi siamo estremamente interessati a una politica di centrodestra, ma soprattutto a una politica di passi concreti, di fatti concreti, e quindi siamo più che disponibili a un dialogo con Forza Italia. Guardiamo un attimo la situazione. Berlusconi è arretrato, ha una percentuale bassa, ma se si pensa a un percorso di riforme istituzionali, lui è ancora lì, con il suo 15 percento. Intendo dire che senza l'appoggio di Berlusconi, senza l'accordo della cosiddetta “seconda maggioranza”, le riforme istituzionali non si possono fare.

 

Che iniziativa dovrebbe prendere, a suo parere?

Faccia una politica di centrodestra, vada a verificare fino in fondo le carte che ha in mano Renzi. Alla fine, con quel 15 percento, la “pistola elettorale” ce l'ha in mano Berlusconi. Ma senza aprire questi scenari, cominci a dare dei segni precisi di una ripresa della politica di centrodestra.

 

In che modo?

Matteo Salvini, in Comitato federale, non ha spiegato solamente la scelta europea, ma ha proposto fatti concreti come le varie proposte dei referendum. Salvini al primo posto pone il problema del lavoro e quindi ribadisce il referendum contro la legge Fornero. Che cosa fa Forza Italia di fronte a un simile referendum? Lo sottoscrive o no? In realtà Salvini ne ha già elencati altri di referendum, come quello sull'immigrazione clandestina, sulla questione della prostituzione e quello sull'abolizione delle Prefetture. Mi si potrà obiettare che il referendum spesso si è rivelato uno strumento debole, ma intanto significa mettere in moto una serie di iniziative politiche.

 

Ma, a suo parere, Berlusconi che cosa sta pensando? Rispetto a questi tempi appare indeciso. Ieri, alla conferenza stampa è arrivato Brunetta e il Cavaliere ha preferito defilarsi.

Credo che stia sentendo varie voci e non abbia di certo ancora deciso quale linea scegliere. Si può aspettare. Fino a un certo punto. Intanto come Lega non ribadiamo l'interesse per una politica di centrodestra e scegliamo dei passi concreti.

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.