BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BALLOTTAGGI/ Polito: l'effetto Renzi è solo un'illusione

Pubblicazione:martedì 10 giugno 2014 - Ultimo aggiornamento:martedì 10 giugno 2014, 8.37

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

“A livello locale il Pd non si è giovato del traino di Renzi. E’ un fatto molto preoccupante, perché significa che il centrosinistra non si può compiacere del successo alle Europee”. Lo evidenzia Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera, commentando i risultati dei ballottaggi delle amministrative. Rispetto alle precedenti elezioni locali, il centrosinistra passa da 16 a 20 Comuni capoluogo di Provincia, il centrodestra da 12 a 6 e il Movimento 5 Stelle conquista per la prima volta Livorno, espugnando quella che fino a poco tempo fa era considerata una roccaforte rossa. Qual è il primo dato che balza agli occhi da questi ballottaggi? “Ritengo in primo luogo significativo il dato sull’astensione, perché un tale disinteresse segna certamente un punto di passaggio nella storia politica italiana. Stiamo andando più o meno sui livelli delle democrazie del nord Europa”.

 

Al di là dell’astensionismo, il significato di questi risultati è innanzitutto politico o è legato solo a situazioni locali?

L’elemento politico che si evince è che il fenomeno Renzi non si è ancora trasferito al Pd nel suo complesso. A livello locale il Pd non si è giovato del traino di Renzi. E’ un fatto molto preoccupante, perché significa che non ci si può compiacere del successo alle Europee. Nonostante il 40%, il Pd non è ancora il partito della nazione di cui parla Renzi. Dopo il 25 maggio sembrava che i giochi politici fossero chiusi per lungo tempo, e invece queste elezioni comunali dimostrano in primo luogo una vitalità del M5S ancora notevole, in quanto vincere a Livorno e a Civitavecchia non è uno scherzo. Nello stesso tempo documentano una capacità di rimonta del centrodestra superiore al previsto, perché vincere a Padova è un fatto con un suo valore, soprattutto per la ritrovata alleanza con la Lega.

 

A essere stati svantaggiati in queste amministrative sono stati soprattutto i candidati del Pd non renziani?

E’ probabile che nei Comuni dove si è perso fossero candidati degli esponenti del vecchio Pd. Ma è quasi tutto vecchio Pd, se si tolgono i giovani entrati nel gruppo dirigente attraverso le primarie vinte da Renzi. Oggi nell’assemblea nazionale siede un numero maggioritario di renziani, ma poi in Comuni, Province e Regioni ci sono ancora gli esponenti di sempre, di cui alcuni sono diventati a loro volta renziani mentre numerosi altri sono legati a D’Alema e Bersani. Il vero problema è come mai ci siano ancora così tante persone, che non c’entrano con il gruppo dirigente attuale, e che rappresentano il Pd nei quattro angoli del Paese.

 

Qual è il significato del risultato di Perugia, dove il candidato di Forza Italia al ballottaggio ha conquistato 16 punti in più?


  PAG. SUCC. >