BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCIOPERO RAI/ Emilio Fede: anche a viale Mazzini tirino la cinghia e lavorino meglio...

Pubblicazione:lunedì 2 giugno 2014

La sede Rai La sede Rai

Quando si parla di enti che rappresentano un caposaldo dell’informazione come la Rai, sono sempre da guardare e osservare con rispetto, perché chiunque deve poter difendere i propri diritti, ma con sospetto perché in questo momento è l’informazione che dovrebbe essere protagonista. Lo sciopero dei giornalisti Rai mi lascia sinceramente perplesso. Ho sempre rispettato gli scioperi, ma non ho mai rispettato quelli che finiscono per danneggiare il pubblico. Non condivido quindi questo sciopero, avrei preferito un altro tipo di protesta, una volta per esempio si toglievano le firme. Non è che a forza di scioperi si migliorino le situazioni, gli scioperi servono a segnalare e a proporre un disagio, ma non a risolverlo.

 

Il futuro della tv in Italia è ancora il duopolio Rai-Mediaset o bisogna uscire da questa logica?

Bisogna guardare al futuro in modo diverso. Il duopolio è superato, rappresenta una sorta di privilegio che deve essere certamente ridimensionato. Se dal duopolio si passa al triopolio o al quadripolio, è ancora meglio perché quando sul mercato c’è la concorrenza non si può che trarne vantaggio.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.