BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EXTRA LARGE/ È davvero questo il Matteo Renzi che l'Italia vuole?

Pubblicazione:sabato 21 giugno 2014

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Tuttavia il problema del governo non sembrano i risultati, ma il tesoretto che invoglia a far dispetto. All’ultimo Vinitaly, Matteo Renzi, davanti a una platea di giornalisti e opinion leader del vino ha parlato dell'obiettivo di +50% dell'export enologico. Ottimo, ma su quale base, se in questo modo si tagliano le gambe alle aziende, impossibilitate anche a partecipare a una fiera dove incontrano buyer di tutto il mondo e si mettono in mostra pur essendo piccoli?

Anche sull’Expo si sta facendo a gara per creare una regia nei cosiddetti territori, con le Camere di Commercio in prima fila, mentre la Coca Cola ha annunciato il suo ingresso come sponsor con tanto di padiglione dedicato ai suoi obiettivi. E proprio nel momento in cui si cerca di rappresentare l’Italia con le sue particolarità, che succede? Si tagliano le gambe al regista, si lasciano sulla strada le aziende che potevano partecipare a un progetto territoriale e si plaude all’ennesima multinazionale che ci dirà come Nutrire il Pianeta.

È questo vogliamo? È proprio questo ciò che vuole Renzi, eliminando piano piano la rete intermedia che tiene unita l’Italia? Mi sorprende persino che quella della mortificazione delle Camere di Commercio sia vista come una cosa di sinistra. Se ancora ci fossero Quelli della notte, davanti al quel taglio di 50 euro per azienda, avrebbero risposto con un sonoro “Ammè, me pare nà strunzata”. Ma che è successo all’Italia? È diventato un paese di tonti che va in brodo di giuggiole davanti a uno che decide, mentre gli si sfila sotto al naso, a poco a poco, nella pratica di più Stato e meno società, ciò che era la sussidiarietà?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.