BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAOS SENATO/ Gotor (Pd): un accordo si può fare, e senza "epurazioni"...

Per MIGUEL GOTOR (Pd), dobbiamo fare pace con l'idea che stiamo varando un Senato delle autonomie, che in tutta Europa è di secondo grado, e non delle garanzie da eleggere direttamente

Infophoto Infophoto

Il senatore del Partito democratico Miguel Gotor ritiene che sulla riforma del Senato alla fine si troverà una mediazione ragionevole. Sull'Unità di ieri, Gotor ha rilasciato un'intervista in cui riassume quella che viene definita la “mediazione alla francese”, dove emergono caratteristiche di innovazione e nello stesso tempo tengono conto di alcune richieste di miglioramento del ddl governativo. Spiega Gotor: “La direzione del Pd ha fissato tra i vari paletti quello dell'elezione indiretta. Questa opzione, per quanto riguarda i Senati delle autonomie, poggia su una prassi istituzionale e costituzionale diffusa nei vari paesi europei”. E' la premessa, perché poi Gotor spiega in dettaglio il superamento della proposta del governo: “L'obiettivo era quello di qualificare e rafforzare il secondo grado rispetto a un ddl governativo che andava migliorato aumentando la platea di quanti votano i membri del nuovo Senato. Il mio emendamento prevede un collegio formato da tutti i consiglieri regionali, da tutti quelli comunali e dai deputati. Costoro eleggono i loro rappresentanti al Senato regione per regione”.

Ci scusi senatore Gotor, ma su questa vicenda della riforma del Senato sembra che si sia sviluppata, e continui a esserci, una polemica molto dura, che non riguarda solo l'opposizione di Forza Italia, ma anche l'opposizione di una parte minoritaria del Pd. Quello che ci si domanda è il perché di una simile impuntatura.

Io credo che sia una posizione pretestuosa. E sto parlando di una posizione pretestuosa di tutte le parti.

Anche poco comprensibile nel Pd, dopo il successo elettorale, dopo la voglia di prendere rapidamente il cammino delle riforme, anche quelle, certamente di peso, come quella del Senato.

Io capisco che in questo momento sembra che tutti quanti siano “impiccati” a questa discussione, a questo nodo. Posso anche comprendere che questa dura discussione sia quasi incomprensibile. Ma insomma, dobbiamo fare pace con l'idea che stiamo varando un Senato delle autonomie che in tutta Europa è di secondo grado, e non delle “garanzie” che sarebbe corretto – al contrario – eleggere direttamente. Ancora: se hai sia alla Camera che al Senato eletti con la stessa fonte di legittimità popolare diretta, non si capirebbe la differenziazione tra un deputato e un senatore e perché si vuole superare il bicameralismo.

Lei dice che c'è la possibilità di un accordo ragionevole e che alla fine si troverà. Ma vorrei farle presente che si è parlato persino della sostituzione del senatore Corradino Mineo, in Commissione Affari costituzionali, per avere la garanzia di una maggioranza.


COMMENTI
05/06/2014 - commento (francesco taddei)

è proprio di epurazioni ciò di cui avete bisogno. le fa la magistratura perché voi politici nei partiti non volete legalizzarvi (cioè meccanismi di trasparenza nella selezione dei candidati e nei rapporti con le parti che vi supportano).