BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Renzi usa la questione morale per "ripulire" il Pd

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Ogni monarca che si rispetti ha una sua guardia pretoriana. E i pretoriani, si sa, per loro stessa natura sono più realisti del re. È la situazione in cui è finito il sottosegretario Luca Lotti, che si è letteralmente arrampicato sugli specchi per negare che Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia finito agli arresti domiciliari per le tangenti Mose, appartenesse al Partito democratico. 

Matteo Renzi è più lucido dei suoi fedelissimi, e – di conseguenza – ha evitato di nascondersi dietro a un dito: ha detto chiaro dal palco di Napoli che chi ruba va a casa a calci nel sedere, che sia del Pd o di qualsiasi altro partito. La sua frase chiave è "non c'è Pd e non Pd, ci sono ladri e non ladri".

Tutti avvertiti in casa democratica: nessuno sarà difeso alla morte, chi viene colto in fallo non può essere difeso. Orsoni non è il primo caso, è accaduto anche sulla richiesta di arresto per il deputato Francantonio Genovese, ex sindaco di Messina, uno dei primi signori delle tessere che nell'Isola si sono schierati dalla parte dell'ex sindaco di Firenze.

Renzi non può permettersi di attardarsi nella difesa di qualcuno della vecchia guardia che ha sbagliato, neppure se si trova in debito di un sostegno ricevuto durante la sua ascesa. Linea dura quindi, ammissione delle colpe storiche della propria parte politica, da Primo Greganti che riemerge dalle nebbie di Tangentopoli in giù. Anche Orsoni, in fondo, si era scoperto renziano, e forse avrebbe sperato in un sostegno maggiore.

Discontinuità assoluta, di conseguenza, sul tema della legalità, con Debora Serracchiani che s'incarica di spiegare come la nuova guardia non vuole, né può fare sconti. Anche qui va decrittata una frase rivelatrice. Al Corriere della Sera, la numero due del Pd spiega: "In politica il ricambio generazionale è fattore di cambiamento. Noi dobbiamo ancora essere messi alla prova, ma facciamo politica in modo diverso. Abbiamo preso immediatamente posizioni chiare". E il caso Genovese è portato a paradigma.

La diversità nel fare politica diventa una discriminante della costruzione del nuovo gruppo dirigente. Appuntamento il 14 giugno all'assemblea nazionale. C'è da ratificare la nomina a vicesegretario di Guerini e della Serracchiani, da ridisegnare la segreteria dopo che alcuni componenti sono traslocati al governo (Lotti, Madia, Mogherini e Boschi) e da definire il nuovo presidente del partito, dopo le dimissioni di Cuperlo. Tanta carne al fuoco, e nulla sarà semplice.

Renzi ha il vento del 41% nelle vele, ma non ha ancora il controllo pieno del partito, tantomeno dei gruppi parlamentari, e con questo stato di cose dovrà fare i conti sino alle prossime elezioni. La questione morale potrebbe diventare una maniera elegante per regolare qualche conto interno e obbligare a un passo indietro qualche esponente della vecchia guardia. Si pensi a uno Zoggia, potente proconsole veneto di Bersani, costretto a smentire di esser sfiorato dall'inchiesta Mose.


  PAG. SUCC. >