BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

J'ACCUSE/ Mario Mauro: Renzi è il grimaldello dei poteri forti contro la democrazia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

“I poteri forti hanno trovato in Matteo Renzi il grimaldello ideale per scardinare la nostra democrazia”. Lo sottolinea il senatore Mario Mauro, ex ministro della Difesa, che ieri ha tenuto una conferenza stampa a Palazzo Madama per parlare del suo ricorso contro l’esclusione dalla commissione Affari costituzionali avvenuta lo scorso giugno. L’ex ministro Mauro ha chiesto infatti al presidente del Senato, Pietro Grasso, di riconsiderare il suo allontanamento dalla commissione, ma finora i suoi appelli sembrano essere stati inascoltati. Mauro era stato “espulso” dalla commissione per la sua posizione critica verso alcuni aspetti della riforma del Senato, proprio nel momento in cui il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, stava cercando di accelerare i tempi dell’approvazione.

 

Senatore Mauro, a che punto è la vicenda della commissione Affari costituzionali che l’ha visto protagonista?

La prima convocazione della giunta del regolamento, che doveva decidere sul caso che mi riguarda, si è conclusa con la necessità di proseguire i lavori perché avevano potuto prendere la parola solo alcuni membri. Dal momento che il presidente del Senato aveva deciso di riconvocare la giunta fissandone i termini, ho inteso subito scrivere al presidente del Senato chiedendo che fosse sospesa l’attività della commissione Affari costituzionali finché non si fosse deciso nel merito del mio ricorso.

 

Quali risposte ha ricevuto da parte della presidenza?

I lavori della commissione non sono stati sospesi, e la presidenza del Senato me ne ha dato motivazione dicendo che si tratta comunque di due questioni distinte. Ma l’aspetto che mi ha colpito di più è che da quel momento la giunta per il regolamento non è più stata riconvocata.

 

Che cosa ha fatto a quel punto?

Dal 18 giugno a oggi ho inviato tre solleciti formali alla presidenza del Senato. Dal mio punto di vista si sta violando il senso delle nostre procedure, anche alla luce del fatto che sarebbe stato opportuno che io fossi ascoltato dalla giunta stessa.

 

Come valuta il metodo con cui sono portate avanti le riforme?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
10/07/2014 - L' Araba Fenice (Santino Camonita)

Mi spiace che l'on Mauro, politicamente parlando, stia perdendo quell' "appeal" che lo caratterizzò all'inizio della sua carriera politica come parlamentare europeo, e questo lo dico da suo elettore. Quando un politico non ha più cartucce, spara l'ultimo colpo a salve che gli resta: l'Italia è in mano ai poteri forti che si servono di volta in volta di uomini usati come "grimaldello per scardinare la democrazia"...ma quante volte in questi decenni abbiamo sentito questo J'accuse ?! No, on Mauro, a questo mantra non credo più...lo dica chiaramente: "siccome mi hanno fatto fuori, e politicamente parlando valgo zero, sono molto incazzato!!", mi creda è molto più semplice cosi, in modo che tutti capiscano, senza bisogno di invocare "i poteri forti" che sono ormai come l'Araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa.

 
10/07/2014 - Urge che gli intellettuali si pronuncino (Ivio Nicola Marongiu)

In assenza di partiti credibili e di sindacati attivi, urge l'intervento esplicativo e mobilitante degli intellettuali. È una vecchia questione che l'attacco alla democrazia richiede con forza. Bisogna che i poeti e gli scienziati tornino a cantare e a gettare l'allarme al popolo. Urge che vengano risvegliati e sollecitati per svegliare e sollecitare alla resistenza. Ma, come al solito, gli intellettuali, canterini in tempi di opposizione tutelata e à la page, si rivelano rintronati, muti e paurosi quando il tempo si fa davvero buio. Mi riferisco ad esempio a tipi sensibili come Benigni, Eco, Fo, ecc.

 
10/07/2014 - Poteri forti? (Valentina Timillero)

Tutto torna, va bene, ma quali sono questi poteri forti? Si possono, anche in forma anonima, farne i nomi a noi comuni mortali? Perché non è che una diagnosi politica, per ciò stesso che chiama in causa i poteri forti, allora si legittima come tale. Grazie