BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIUSTIZIA/ Maddalena: troppi "misteri" nella riforma Renzi-Orlando

Pubblicazione:martedì 15 luglio 2014

Infophoto Infophoto

È francamente difficile esprimere un giudizio sul piano della riforma della giustizia del Governo Renzi senza sapere, per la maggior parte degli ormai famosi 12 punti, come si intendono realizzare gli obiettivi che sono stati indicati. Ed infatti, mentre per quanto riguarda la giustizia civile, sono stati abbozzati gli interventi che dovrebbero condurre al risultato sperato (ad esempio, per quanto riguarda la riduzione dei tempi dei processi in primo grado attraverso, la conciliazione con l'assistenza degli avvocati, le Separazioni e divorzi consensuali innanzi all'Ufficiale dello stato civile, l'introduzione del principio che Chi soccombe nel giudizio rimborsa le spese del processo, il riconoscimento che L'avvocato può sentire i testimoni fuori del processo, la previsione che Il giudice può sentire i testimoni a distanza per mezzo di videoconferenza, il ricorso a Forme processuali semplificate per le controversie di agevole definizione etc.), per altri obbiettivi nulla è precisato per cui non è proprio possibile formulare neppure un parere.

Ad esempio, per quanto riguarda il punto 4 ("più carriera per merito"), chi potrebbe non dirsi assolutamente d'accordo? Il punto sta nello stabilire come si stabilisce il "merito" e ad opera di chi. Al riguardo nulla si dice. E l'impresa non solo non è di agevole soluzione ma sono portato a credere che la quadratura del cerchio sia molto più facile.

Lo stesso discorso vale per l'accelerazione del processo penale e la riforma della prescrizione: il tema infatti coinvolge il principio della obbligatorietà dell'azione penale, di quali garanzie debbono essere assicurate e a chi (imputati, persone offese), di quanti e quali debbono essere i gradi della giurisdizione. In una parola, l'oggetto diventa l'intera struttura del processo penale, compresa la fase dell'esecuzione. Ma dove e come si intende operare? Mistero.

E che dire delle intercettazioni? Certo, il diritto all'informazione e la tutela della privacy debbono essere garantiti. Ma entro che limiti e in quali modi? Detto così come è presentato, il (buon) proposito significa tutto e niente. E quindi, in buona sostanza, niente.

Stranamente poi non si fa, tra questi 12 punti, neppure un accenno a disegni di legge e progetti che pure è noto essere all'attenzione del ministero e magari pure in modo apprezzabile. Alludo ad esempio al disegno di riforma della magistratura onoraria che attende da anni e che rischia di essere condizionata da inevitabili e sacrosante decisioni giudiziarie, come quella del Tribunale di Torino, Sezione lavoro che dieci giorni fa ha condannato l'Inps a iscrivere alcuni viceprocuratori onorari alla "gestione separata" e il ministero della Giustizia a corrispondere il "contributo previdenziale dovuto per legge". 

Certo è, infatti, che la magistratura onoraria rappresenta una risorsa fondamentale per tutte le Procure della Repubblica ed è stata, invece, spesso poco e mal utilizzata negli uffici giudicanti di Tribunale. Personalmente sono sempre stato favorevole ad un potenziamento e ad una maggiore valorizzazione del circuito della magistratura onoraria nel settore penale, anche per ridurre l'eterno problema della conciliabilità del principio della obbligatorietà dell'azione penale con la scarsità delle risorse disponibili nella categoria della magistratura "professionale". 


  PAG. SUCC. >