BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS NOMINE UE/ Sapelli: la Mogherini (e Renzi) bocciati da Merkel e Obama

Pubblicazione:venerdì 18 luglio 2014 - Ultimo aggiornamento:venerdì 18 luglio 2014, 13.55

Federica Mogherini (Infophoto) Federica Mogherini (Infophoto)

No. La Mogherini esprime la più alta tradizione diplomatica italiana, che ha avuto i suoi precursori nel Vaticano e nell’Eni, e che da sempre dialoga con la Russia. Con chi dovremmo dialogare del resto? Già negli anni 30 del Novecento la Fiat ha aperto degli stabilimenti in Unione Sovietica, e il nostro Paese è sempre stato un ponte con l’Est. La Mogherini quindi non è filo-russa,ma semplicemente italiana, e fa gli interessi del nostro Paese come dovrebbe fare qualsiasi patriota, e come avevano fatto prima di lei Craxi e Andreotti che non a caso avevano detto di no ai missili americani.

 

Dietro il no dei Paesi dell’Est alla Mogherini c’è la Germania?

Mi pare evidente. Anche se in realtà in questo caso credo che la Merkel avrebbe voluto concedere gli Esteri alla Mogherini, ma ha dovuto dire di no per accontentare la Polonia.

 

Quale ruolo gioca l’alternativa tra i gasdotti South Stream e North Stream?

Tra i due gasdotti non esiste nessuna alternativa, perché North Stream esiste già e rifornisce l’Europa del Nord. South Stream è stato pensato per rifornire l’Europa del Sud e quella Balcanica. Sono due logiche completamente diverse e che non sono assolutamente in contraddizione. Il progetto di South Stream era stato concepito nel 1993, e ad averne bisogno siamo noi italiani, non sono i russi i quali potrebbero benissimo vendere quel gas ai cinesi. Al posto di distruggere le campagne con l’energia solare o eolica, abbiamo bisogno di più gas.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.