BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

J'ACCUSE/ Il federalismo di Renzi e Ncd? Nasconde il centralismo peggiore

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Apprendiamo per di più che il Nuovo Centro Destra è orgoglioso "di avere introdotto i costi e i fabbisogni standard". Il criterio dei costi e dei fabbisogni standard è meglio che niente, ma non di più. Perciò arrivare ad esserne orgogliosi ci sembra un po' esagerato. Tutta l'esperienza dimostra che i pochi risultati positivi, che nel breve periodo ne derivano, vengono poi subito sommersi da una crescita senza fine di controlli burocratici tanto onerosi quanto inefficaci. 

L'esperienza dei Paesi dove la pressione fiscale a parità di servizi è largamente inferiore alla nostra dimostra che la spesa si razionalizza tirando innanzitutto la leva della responsabilità fiscale e non quella dei controlli. Dove ogni livello di governo raccoglie in proprio le imposte con cui finanzia la sua spesa, e dove chi spende meglio può far pagare meno imposte ai suoi cittadini, non c'è bisogno di costi standard: tutti, da nord a sud e da est a ovest, sono da ciò indotti a spendere meglio e tassare meno. A spingere chi governa a non buttare via i soldi non è la Guardia di Finanza, ma sono i cittadini che con il loro voto rimandano a casa chi spende troppo.

Colpisce in particolare il plauso al potere che si vuol attribuire al governo di Roma di "commissariare Regioni e Comuni quando viene meno l'equilibrio strutturale dei loro bilanci": un potere il cui carattere neo-autoritario, o forse tardo-napoleonico è evidente. Nelle democrazie il potere di togliere la fiducia e quindi di non rieleggere chi ha governato male appartiene al popolo e non a un altro governo, fosse pure il governo centrale. Renzi ha buone intenzioni e grande capacità di raccogliere il consenso, ma nonostante tutto appartiene a un'area politica che tanto per idee quanto per interessi costituiti tira dalla parte opposta a quella dove vorrebbe andare lui. 

Stando così le cose, invece di rincorrere il vecchio centrosinistra sulla strada fallimentare dello statalismo e del controllo centralizzato, Ncd farebbe meglio a premere con fermezza perché il governo imbocchi un'altra strada: quella della libertà responsabile delle persone e dei territori. Farebbe meglio insomma a giocare la parte dell'alleato forte per le sue idee e le sue esperienze anche al di là del suo attuale consenso elettorale (che in tal modo, la prossima volta, potrebbe pure crescere).



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.