BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ACCORDO RENZI-GRILLO?/ Becchi (M5S): i diktat del premier lo faranno fallire

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Beppe Grillo (Infophoto)  Beppe Grillo (Infophoto)

Non è assolutamente vero. Renzi non ha capito che il proporzionale proposto dal M5S utilizzando il metodo D’Hondt per la conta dei voti in realtà è già “maggioritario”. Proprio in questo modo è possibile evitare qualsiasi inciucio. Se Renzi otterrà il 41% alle prossime politiche, con la legge elettorale proposta dal M5S nella prossima legislatura il Pd potrà governare da solo. Si tratta infatti di un sistema proporzionale che non segue il modello tedesco bensì quello spagnolo.

 

Da dove nasce questa accusa alla vostra legge elettorale?

Quest’accusa rivolta al M5S significa semplicemente che Renzi non ha preso sul serio il modello scaturito dalle decisioni prese in rete. Il problema cui abbiamo cercato di dare una risposta è che volevamo trovare il modo di creare un sistema proporzionale che fosse in grado di garantire la governabilità. Se noi però insistiamo soltanto sulla governabilità, le conseguenze possono non essere positive. Avremo un capo del governo scelto attraverso le elezioni, un parlamento prono al presidente del consiglio, un Senato di nominati dal capo del governo. E questa la chiamiamo democrazia?

 

Quali saranno le conseguenze?

Di rappresentatività non avremo più niente, e andrà perso il ruolo di discussione che il parlamento dovrebbe sempre poter svolgere nei confronti delle decisioni del governo. Per non parlare del fatto che il Senato diventerà un luogo di corruzione. Se già oggi sindaci e presidenti delle Regioni sono in parte luoghi di corruzione, con la riforma del Senato questo sistema sarà garantito attraverso l’immunità.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.