BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Fassina: articolo 18, Alfano è l'alleato di Draghi contro Renzi

Angelino Alfano (Infophoto) Angelino Alfano (Infophoto)

No, l’Italia ha problemi ma questi ultimi possono essere superati se si cambia rotta. Se si continua sulla rotta di Berlino, Bruxelles e Francoforte allora l’Italia va a sbattere.

 

Intervistato dal Financial Times, Renzi ha detto: “Sulle riforme decido io, non la Troika”. Che cosa ne pensa di queste affermazioni?

Finalmente un presidente del consiglio italiano afferma così. Draghi è andato oltre, e vorrei capire sulla base di quale legittimazione ha parlato. Certamente non ha una legittimazione politica o istituzionale, perché è responsabile della politica comunitaria, e non ha neanche una legittimazione tecnica, perché l’unico obiettivo che la banca centrale doveva garantire, cioè l’inflazione al 2%, è clamorosamente mancato. Draghi si occupi di portare l’inflazione al 2%, mentre la politica si occupa dell’agenda delle riforme.

 

Che cosa pensa delle prossime sfide del governo, cioè ddl sulla pubblica amministrazione e jobs act?

Penso che dobbiamo portarle avanti realizzando bene queste riforme. Per quanto riguarda il Jobs Act dobbiamo puntare a estendere gli ammortizzatori sociali e a rafforzare le politiche attive per il lavoro. Per quanto riguarda la pubblica amministrazione occorre razionalizzare e valorizzare il lavoro pubblico.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/08/2014 - Fassina, si spieghi meglio per favore... (Giuseppe Crippa)

Mi piacerebbe molto che in un prossimo futuro Pietro Vernizzi ricontattasse Stefano Fassina e gli domandasse di spiegare perché eventuali licenziamenti effettuati dopo una ipotetica abolizione dell’art.18 aggraverebbero la recessione. E’ ovvio che verrebbero licenziati soltanto coloro il cui apporto all’impresa fosse giudicato (ovviamente a ragion veduta) negativo e quindi l'efficienza ed i bilanci delle imprese non potrebbero che trarne giovamento. Lo stesso discorso dovrebbe valere poi, e a maggior ragione, anche per la Pubblica Amministrazione. Credo che Fassina, non disponendo di alcun argomento valido per rispondergli, si trincererebbe dietro un: “Vernizzi, chi?”