BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGHISMI/ Moncalvo: Salvini rompe con Bossi per prendersi il centrodestra

Pubblicazione:

Matteo Salvini (Infophoto)  Matteo Salvini (Infophoto)

Da anni ritengo che la Lega nord non sia altro che una sottomarca di Forza Italia, un po’ come la Coca Zero rispetto alla Coca Cola. E’ questo il fenomeno che si è originato dal documento firmato da Bossi e Berlusconi nel dicembre 2000. Da allora il Carroccio si trova ad avere le mani libere solo in occasione delle elezioni amministrative.

 

Salvini sta imprimendo una nuova direzione al partito?

Lo stesso Salvini oggi non ha alternative. Ad attaccare i vu cumprà e l’immigrazione clandestina ci pensa Alfano, e a portare avanti le campagne tipiche della Lega c’è Il Giornale di Paolo Berlusconi. Salvini però ha dalla sua i sondaggi che lo danno al secondo posto dopo Renzi tra i politici nei cui confronti gli italiani hanno più fiducia. A ciò si aggiunga che il centrodestra non ha un leader, e si comprende che Salvini se si gioca bene le sue carte può anche ambire al ruolo di leader del centrodestra. Forza Italia non ha mai cresciuto nessun giovane che potesse dare ombra a Berlusconi.

 

Bossi riuscirà a sbarrare la strada a Salvini?

Tutt’altro. Questa mossa di farsi denunciare da Bossi è molto azzeccata, perché così Salvini rompe con un certo establishment e fa un po’ il “cinque stelle” della situazione. Salvini sta giocando una grande partita, bisognerà vedere se il partito gli andrà dietro e fino a che punto Berlusconi lo appoggerà. Dal modo con cui Il Giornale e le reti Mediaset parlano di Salvini, si comprende che il Cavaliere non lo considera un nemico o un avversario, bensì una personalità da tenere in grande considerazione. L’unico limite di Salvini è che un nuovo leader di centrodestra esiste già, e si chiama Matteo Renzi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.