BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

NUOVO SENATO/ Se essere anziani è un disvalore e tutti si devono mascherare da giovani

(Infophoto)(Infophoto)

Alle soglie della fine del sistema senatoriale come lo conosciamo, costatiamo la fine di un sistema sociale-sociologico che lascia la società italiana più sola (nuclei familiari striminziti), più incerta (si rimanda la nascita del figlio per una pressione sociale e quasi mai per libera scelta) e privata delle forze più fresche (l’età attiva-decisionale ormai si fissa oltre i 50 anni); le famiglie si fanno tardi, sono soprattutto nuclei di figli unici, spesso dipendenti dai genitori. Non è un quadro confortante dal punto di vista etico e sanitario. Perdere la caratteristica della differenza di età senatoriale sarebbe un peccato; manteniamola, e al tempo stesso lavoriamo per restituire un giusto peso alle età della vita: ai ventenni la possibilità di far famiglia e ai sessantenni quella di dare prudenza e saggezza.

© Riproduzione Riservata.