BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: c'è una nuova opposizione più forte di Renzi

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Le sue mosse nelle ultime settimane vanno in una direzione diversa. Il fatto di avere vincolato la sua immagine al programma dei mille giorni significa che vuole rassicurare i mercati, che chiedono stabilità. I mercati chiedono che si facciano le riforme con determinazione, ma dentro a un quadro solido e di un Paese che vuole misurarsi con le cose da fare. La tentazione delle elezioni continuerà a esserci, ma l’approvazione definitiva della riforma del Senato richiederà tempo e quindi ci vorrà la legge elettorale. Le controindicazioni a elezioni anticipate sono molte e il governo ha scelto la strada della stabilità.

 

Il malcontento che serpeggia in Forza Italia di fronte all’inazione di Berlusconi, potrebbe portare all’ascesa di un nuovo leader al suo posto?

Il centrodestra non può prescindere da Berlusconi e dalla sua linea. E’ poi molto probabile che non sia fatta esclusivamente per ragioni di alta politica, ma anche per tutelare gli interessi del Cavaliere, della sua famiglia e del suo gruppo. Ciò non toglie che la linea della responsabilità nazionale sia l’unica possibile, non vedo vere alternative. Anziché cercare lo scontro totale, è molto più saggio cercare di condizionare gli eventi come fa Brunetta.

 

Quali sono i maggiori ostacoli all’azione riformatrice di Renzi?

I vari apparati economici e industriali, i sindacati, alcune corporazioni economiche, un certo attrito nel sistema amministrativo. Non vedo un’opposizione politica così organizzata da poter veramente impedire l’attuazione del programma di Renzi. Il M5S è in una fase di notevole appannamento, e lo stesso Grillo sembra essersi stancato dell’esperienza politica. Continua una fase in cui Renzi deve scontare un’opposizione organizzata di tipo economico e sociale, ma non politica in senso stretto.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.