BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

TASSE/ Fontana (Anci): Tasi, l'arma "segreta" di Renzi per spremere i cittadini

Per ATTILIO FONTANA (Anci) i soldi della Tasi servono per cercare di coprire i tagli che sono stati fatti ai Comuni, per pagare gli stipendi, le mense per gli asili e tutti i servizi

Attilio Fontana (Infophoto)Attilio Fontana (Infophoto)

L’aliquota media scelta per la Tasi dai Comuni è pari al 2,46 per mille, un dato che ci dice che la nuova tassa sulla casa è spesso ai livelli massimi. Tanto che secondo Repubblica per sette famiglie su dieci la nuova tassa è più cara dell’Imu. Su 69 Comuni capoluogo che hanno rese note le aliquote, in molti hanno scelto il tetto massimo del 2,5 per mille. Ne abbiamo parlato con Attilio Fontana, sindaco di Varese e presidente di Anci Lombardia.

Fontana, è vero che con la Tasi molti italiani pagheranno di più che con l’Imu?

La Tasi è un modo surrettizio per aumentare le tasse attraverso i Comuni. C’è qualche quotidiano, come Repubblica, che ha scritto: “I sindaci non ci dicono dove vanno a finire i soldi della Tasi”, ma la realtà è che i soldi della Tasi servono per cercare di coprire i tagli che ci sono stati fatti. Servono per pagare gli stipendi, le mense per gli asili e tutti i servizi che vendiamo ai nostri cittadini. Quando sono diventato sindaco, Varese aveva circa 20 milioni di trasferimenti a Roma e adesso ha 3 milioni e 800mila euro. I soldi della Tasi servono quindi per cercare di coprire i tagli di questi anni. Tagli che anche con le nuove tasse non ci consentono di avere le stesse risorse che avevamo in passato.

Andiamo verso un inasprimento della pressione fiscale complessiva?

Sì. In modo assolutamente subdolo stanno aumentando tutte le tasse, solo che le scaricano sulla responsabilità degli altri. Dicono che le riducono o che non le aumentano, ma in realtà costringono i Comuni ad aumentare le tasse perché gli riducono i trasferimenti. Anziché statali abbiamo delle tasse comunali, ma che compensano risorse che lo Stato trattiene per sé e non dà più ai Comuni. Quindi non cambia niente, è un vero e proprio aumento di tasse.

Perché il governo Renzi, che parla tanto di crescita, in realtà sta aumentando le tasse?

Perché un conto è parlare e un altro è realizzare. Questo governo parla di tante cose e lo fa molto bene, ma a livello concreto non mi sembra che stia dando risultati eccezionali.

L’Italia è il paese europeo con il maggior numero di aziende comunali. Andrebbero ridotte?