BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SBLOCCA ITALIA?/ 1. Fassina (Pd): moriremo tutti di austerità

Stefano Fassina (Infophoto)Stefano Fassina (Infophoto)

Il debito pubblico è aumentato di 30 punti negli ultimi anni proprio perché abbiamo fatto manovre di austerità. La responsabilità è di chi ha proposto il rigore e la svalutazione del lavoro. Noi non proponiamo di aumentare il debito pubblico, ma per la legge di stabilità chiediamo di utilizzare le risorse per estendere il bonus Inps alle partite Iva, agli incapienti e ai pensionati.

 

Lei ha affermato che con i tagli ai ministeri, Renzi sarebbe tornato all’agenda Monti. Perché ne è convinto?

La parola spending review non è un sinonimo di tagli ma significa appunto “revisione della spesa”. Vanno eliminati tutti gli sprechi, riqualificando e riallocando la spesa. L’Italia ha la spesa primaria corrente tra le più basse in Europa, pari all’1,5% in meno della media europea. Il problema è piuttosto un altro. Abbiamo il doppio, cioè 8/9 punti di Pil in più, di evasione fiscale: è quella la variabile patologica. Se noi portassimo la nostra evasione al livello europeo, pari al 9% del Pil, recupereremmo 50 miliardi di euro l’anno.

 

Che cosa ne pensa dello Sblocca Italia presentato da Renzi?

Aspetto di vedere il testo definitivo, in quanto il decreto è ancora nella fase di elaborazione con delle modifiche importanti. Ritengo che ci siano misure che vanno nella giusta direzione. La situazione del Paese è però drammatica, abbiamo bisogno di dare impulso all’economia, ad esempio con il patto di stabilità interno, mentre lo Sblocca Italia accelera l’attesa di risorse ma non amplia la portata degli interventi, anche se è indubbio che ci siano degli interventi importanti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/09/2014 - Moriremo tutti? Lui no, col suo stipendio... (Giuseppe Crippa)

Il responsabile economico di un partito è contrario (e non vota) una modifica costituzionale – non propriamente una leggina – mentre il suo partito la vota e non si dimette immediatamente ma lo fa soltanto quando il suo segretario lo sfotte? E’ la dimostrazione che le decisioni che servono all’Italia gli interessano meno delle battute che lo riguardano.