BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TAGLIO DELLE REGIONI?/ Dalla Francia una lezione al federalismo italiano

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Al decimo congresso dell’Associazione delle Regioni (Arf) che si è tenuto il 9 e 10 ottobre scorsi, i presidenti non hanno contestato la decisione di ridurre il numero delle Regioni, ma hanno posto al governo i seguenti problemi: il finanziamento delle nuove competenze, l’autonomia fiscale, il potere regolamentare di adattare le funzioni al proprio territorio. Il primo ministro Valls (già più giovane consigliere regionale di Francia) nel suo discorso al congresso dell’Arf ha fornito chiarimenti e assicurazioni relative alle nuove competenze e alle risorse finanziarie e fiscali delle Regioni, che “disporranno di nuove competenze e di strumenti per accompagnare la crescita delle imprese, le politiche per la formazione professionale e l’impiego, i trasporti ferroviari, le strade regionali, le infrastrutture aeroportuali e portuali, la gestione dei licei e potranno adottare strumenti di programmazione per garantire la coerenza delle azioni decise dai singoli governi locali in materia di sviluppo economico e governo del territorio”.

In questa direzione ha proposto conferenze periodiche tra Stato e Regioni per definire azioni congiunte sulle politiche per il lavoro dei giovani, la formazione, l’apprendimento, nonché incontri periodici tra Governo e presidenti delle Regioni per costruire nuove politiche e sforzi supplementari per la gestione dei Contratti di Piano Stato-Regioni 2015-2020.

Dunque, il taglio del numero delle Regioni francesi non implica un loro indebolimento all’interno delle collettività territoriali e nei rapporti con lo Stato centrale, in quanto l’azione legislativa complessiva del governo Valls rafforza non solo la dimensione, ma anche il ruolo e la loro l’autonomia nel processo di decentralizzazione.

La decentralizzazione francese senza federalismo offre elementi di riflessione al neocentralismo italiano post-federalismo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.