BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUIRINALE/ Vittorio Feltri: per Renzi conta più Berlusconi del Pd

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

L’unità del partito non ce l’avrebbe comunque, perché sappiamo che alla sua sinistra ha degli oppositori interni. Di Berlusconi invece ha bisogno, perché diversi provvedimenti approvati in Parlamento sono andati in porto solo grazie all’aiuto o quanto meno al mancato ostruzionismo di Forza Italia. Il Cavaliere per Renzi si è rivelato importante, e su questo c’è poco da discutere. Poi se salterà il Patto del Nazareno faremo altri discorsi, ma per il momento è ben saldo. Che poi certe cose non si dicano alla luce del sole fa un po’ parte della logica delle cose, perché altrimenti tutti gli avversari sia di Renzi sia di Berlusconi avrebbero un facile gioco a fare del cecchinaggio.

 

C’è il rischio che Prodi sia eletto per fare un dispetto a Berlusconi e a Renzi?

E’ difficile dirlo. Bisognerebbe prima vedere come si pongono le altre formazioni politiche in aula, perché a quel punto uno può anche studiare come fare un dispetto. Ma se non sa come si dispongono gli schieramenti, farlo a priori è un’operazione quasi impossibile.

 

Lei vedrebbe bene un “presidente-notaio” come Mattarella?

Sì, a Renzi farebbe comodo avere un personaggio al Quirinale meno ingombrante rispetto a Napolitano, anche perché come si dice in dialetto abbiamo un premier un po’ “faso tuto mi”. Avere un altro Napolitano cui rendere conto, dal quale addirittura in certi casi dipendere, potrebbe essere un freno alla sua attività e alla sua voglia di dire più che di fare. Di personaggi di questo tipo è piena l’Italia, c’è solo l’imbarazzo della scelta. La stessa candidatura di Padoan nasce da queste osservazioni. Renzi sta pensando a un personaggio grigio e scolorito che non disturbi il manovratore.

 

Questo “personaggio grigio” una volta al Quirinale potrebbe decidere che è lui che conta?

Certo, è già successo. L’esperienza ci insegna che per esempio Oscar Luigi Scalfaro, eletto presidente della Repubblica per disperazione dopo 20 scrutini, una volta insediatosi rivelò di avere un temperamento ben diverso da quello che gli era stato attribuito. Fu cioè un presidente che non soltanto si faceva rispettare, ma che imponeva anche le sue idee.

 

Renzi sembra escludere un ex segretario del Pd come Veltroni, Fassino o Bersani. Sono nomi che potrebbero tornare in auge?

Mi sembra improbabile, almeno nel breve e nel medio termine, poi è chiaro che può succedere di tutto. Al momento bisogna riconoscere che Renzi, piaccia o non piaccia, non ha avversari nel centrosinistra. Non c’è nessuno che sia in grado di prendere in mano il bastone di comando, e finché la situazione è questa è chiaro che Matteo Renzi ha buon gioco.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.