BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIETRO LE QUINTE/ Quirinale, patto Bersani-Berlusconi?

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Per paradosso, ma non tanto, Renzi potrebbe avere meno difficoltà a raggiungere un'intesa con Berlusconi, con cui di sicuro i contatti non si sono mai interrotti. Un segnale chiaro è l'accordo anche sulle modifiche profonde che Renzi ha voluto alla legge elettorale. Il "soccorso azzurro" è stato decisivo a Palazzo Madama per rendere inoffensivi gli insidiosi emendamenti di Miguel Gotor. Così decisivo da far dire a Paolo Romani che i voti dei senatori di Forza Italia "hanno sostituito" quelli dei dissidenti democratici. Parole corrispondenti al vero, ma sgradite all'inquilino di Palazzo Chigi. 

Probabilmente Renzi e Berlusconi si vedranno due volte in poche ore, sia prima del giro ufficiale di consultazioni che il Pd avrà martedì con tutti i partiti, sia nella sede ufficiale. In fondo, a Berlusconi pochi nomi sono davvero sgraditi (Prodi in primis). Per il resto, basta che abbia qualche rassicurazione sulla possibilità di recuperare gradualmente l'agibilità politica. 

A facilitare il lavoro a Renzi il chiamarsi fuori dalle consultazioni del Movimento 5 Stelle. In questa decisione forse ha pesato il timore di una spaccatura dei portavoce in Parlamento. Di certo ancora una volta Grillo e Casaleggio rinunciano a entrare nella partita per cercare di condizionarla, una scelta che regala al premier la ragione per tessere un dialogo esclusivamente con il centrodestra.

Forse dentro la galassia grillina qualcuno deve essersi accorto del passo falso, al punto dall'aver tentato di evitare l'irrilevanza sfidando i democratici a dare una rosa di nomi da sottoporre alla rete in tempo utile per sostenere il più votato sin dalla prima votazione. Se di vera retromarcia si tratta arriva forse fuori tempo utile. Renzi non ha alcun bisogno dei grillini, a differenza di Bersani che tentò di giocare due anni fa su due tavoli contemporaneamente. A lui bastano i voti berlusconiani, a patto che non ne perda troppi dei suoi. Con questo spirito giocherà le sue prossime mosse sullo scacchiere del Colle.

© Riproduzione Riservata.