BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Adozioni gay, papa Francesco "spaventa" Renzi

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Se sulle adozioni delle coppie gay Matteo Renzi aveva dei dubbi, la domenica questi dubbi li ha confermati e rafforzati. E la retromarcia imposta alla bellicosa Maria Elena Boschi non nasce dal muro contro muro promesso da Angelino Alfano. Quella di Ncd è una tigre di carta, agli occhi dell'inquilino di Palazzo Chigi. A pesare molto di più due elementi, l'opinione degli italiani e quella dei vescovi.

Scrivono i retroscenisti che a Palazzo Chigi circolerebbe un sondaggio secondo cui i due terzi degli italiani sono contrari al punto più controverso della legge sulle unioni civili, la stepchild adoption, cioè l'adozione del figlio biologico della compagna o del compagno, che — di fatto — potrebbe aprire anche la via all'utero in affitto, poco importa se messo in pratica in Italia o all'estero. E a conferma che il consenso non sia così vasto come le associazioni gay vorrebbero far credere sono arrivate le durissime parole del segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino, che ha invocato la piena attuazione dell'art. 29 della Costituzione a difesa della famiglia.

Parole pesanti come pietre. Talmente pesanti da non poter non avere la benedizione delle massime gerarchie vaticane. "Chiedo che la politica non sia strabica", ha scandito Galantino. "Non si può pensare a un governo che sta investendo tantissime energie per queste forme di unioni particolari e di fatto sta mettendo all'angolo la famiglia tradizionale che deve essere un pilastro della società".

Per Renzi un avvertimento chiaro, da non sottovalutare, per non finire come Ignazio Marino, al quale secondo molti osservatori il colpo di grazia è venuto dalla sconfessione del Santo Padre. Di fare la stessa fine di Marino Renzi non ne vuol proprio sapere, così ha ordinato di frenare e cominciare a innestare la retromarcia. E la manovra di aggancio ai moderati non può incespicare in maniera maldestra su temi tanto delicati.

Maria Elena Boschi si era esposta troppo su questo terreno, facendo intravedere un cambio di maggioranza per approvare la legge senza i voti centristi, ma con quelli di Sel e Movimento 5 Stelle. Uno scenario di irrilevanza dell'Ncd così marcato da spingere gli alfaniani a reagire rispondendo che ogni strumento parlamentare sarebbe stato lecito per fermare la legge. Il segnale del dietrofront se l'è dovuto caricare — di conseguenza — proprio lei. Ci ha dovuto mettere la faccia, mentre la linea della prudenza veniva confermata da Guerini.

La prima contromisura per disinnescare la tensione è l'annuncio che sui punti più controversi il Pd lascerà libertà di coscienza. E che non vi sarà opposizione se sui punti più delicati si ricorrerà al voto segreto. Questo stempera la tensione con gli alleati, ma anche (e forse soprattutto) con la corposa pattuglia di parlamentari democratici, cattolici e non, che su questa materia non la pensano come la Boschi e che la stepchild adoption non la vogliono votare. 


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
19/10/2015 - Adozioni gay: presente e futuro (Giuseppe Crippa)

Con la legge in discussione al Senato le coppie gay non stanno chiedendo di adottare bambini orfani ma di poterseli generare (per ora all’estero) legalmente col seme (o l’ovulo) di uno/a dei due da unire ad un seme o ad un ovulo di altri/e acquistato sul mercato sotto la supervisione ben pagata di qualche medico (ma è pensabile che una futura legge "di sinistra o grillina" ponga il servizio a carico del Sistema Sanitario Nazionale) e, infine, col contributo pagato (ed anche qui è pensabile che in futuro una legge possa fornire un sostegno) di una donna in condizioni di bisogno economico che provveda alla gravidanza.

 
19/10/2015 - Così anche x i gay? Saranno felici senza ruoli? (claudia mazzola)

Non conosco nessuna coppia gay che abbia fatto un'adozione. Conosco però mia cugina Giovanna e suo marito Massimo. Hanno adottato 3 sorelline brasiliane, 4,6,8 anni. Una bellissima famiglia felice in Cristo.

 
19/10/2015 - Unioni civili (Carla D'Agostino Ungaretti)

Meno male che gli italiani hanno ancora una molecola di buon senso nelle loro teste!