BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Da Chiamparino a Roma, tutti i "no" che bocciano Renzi

Sergio Chiamparino (Infophoto)Sergio Chiamparino (Infophoto)

Non ci sono leggi di stabilità di destra o di sinistra nella loro interezza, ma soltanto manovre buone o meno buone. Quella approvata dal governo Renzi mi sembra non pessima, certamente, ma mediocre.

 

Anche da Roma vengono guai per il premier. Che cosa ne pensa del caso Marino?

Marino deve dare le dimissioni e mantenerle. Dopo di che il Pd romano, compreso Orfini, devono interrogarsi sulla loro capacità di ricostruire un rapporto con la cittadinanza e un partito decente a Roma. Il Pd romano evidentemente ha moltissimi problemi che non sono di oggi, ma che devono essere risolti al più presto.

 

Marino è stato spinto a dimettersi perché non riusciva a governare o perché dava fastidio?

Marino dava anche fastidio, dopo di che le sue capacità amministrative mi sono sconosciute. Ma soprattutto la sua convinzione di avere fatto cose decisive per Roma mi sembra eccessiva ed esagerata rispetto a quello che abbiamo scoperto e che ancora gli rimane da fare.

 

Che cosa comporta il caso Marino per il Pd?

Comporta il fatto che a Roma il Pd rischia davvero di perdere il sindaco a vantaggio dell’M5s, anziché di tornare a un’alternanza tra centrodestra e centrosinistra. Comporta inoltre che anche in altre realtà locali gli elettori penseranno che gli amministratori del Pd hanno dei problemi, e che tutto sommato è meglio mettere alla prova il Movimento 5 Stelle, proprio come affermano i suoi sostenitori.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.