BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Renzi e la buccia di banana dietro l'angolo

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Dentro Area Popolare, invece, in molti si sentono franare la terra sotto i piedi. E il gruppo parlamentare continua a essere diviso fra chi vorrebbe ritornare nel centrodestra e chi, invece, vorrebbe trasformare in stabile il rapporto di collaborazione con il Pd. A tenere unite le varie anime solo la richiesta di ritoccare l'Italicum, riportando il premio di maggioranza dalla lista alla coalizione. Solo così Ncd e compagnia cantante avrebbero una chance di accasarsi, o di qua, o di là. In caso contrario, la sorte del partitino centrista sembra segnata, perché probabilmente solo qualche esponente isolato riuscirebbe a trovare posto in un listone. Di destra o di sinistra poco importa.

Come un consumato giocatore di poker, Renzi ha scelto di rilanciare, così da evitare di scoprire eventuali bluff. E' andato in tv a promettere l'anticipo al 2016 del taglio dell'Ires sulle imprese, così come dell'abbassamento della tassa più odiata dagli italiani, il canone Rai. Obiettivo dichiarato quello di ridare fiducia agli italiani, alle imprese, come ai privati, perché è dalla ripresa economica che conta e spera di ricevere il carburante necessario a evitare di finire impaludato.  

Avanti a tappe forzate, quindi, visto che in parlamento il rischio è proprio quello della palude. In una legislatura da Guinness dei primati quanto a cambi di casacca (si sfiora quota 300 in due anni e mezzo) tutto diventa difficile, soprattutto al Senato. E non si può rinviare all'infinito decisioni chiare su temi delicati, come le unioni civili, scivolati all'inizio del prossimo anno per l'incombere della sessione di bilancio, senza che i nodi più divisivi siano stati sciolti. Il rischio di scivolare su una buccia di banana in un quadro tanto precario rimane sempre dietro l'angolo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/10/2015 - Fiducia e rispetto ai parlamentari. (claudia mazzola)

Sapete perchè la politica non è presa sul serio in Italia? Perchè tiriamo sempre in giro i nostri politici e gli diamo degli incompetenti. Alla fine ci credono pure loro!

 
05/10/2015 - Rai-Tv? Gabella ninti di più...e io pago i debiti? (VINCENZO DI TOLVE)

Una scema Politica Economica specialmente degli ultimi tre Governi di Napolitano€C. Prima, un presunto Economista che causa un colossale un flop con tanti suicidi e Renzi un analfabeta Kaiser? Prodi che riceve incarichi UE sic, e propinarci un euro che di vantaggi mai visti, ma ci ha causato disoccupazione ed ancora tanti suicidi che ha fatto triplicare i prezzi e listini auto e dalle derrate, visto che, oggi il costo lavoro alle stelle, e per questo i raccolti, restano sui campi per introduzione di prodotti da Paesi con costo lavoro al 70%! Biologico e km zero, ma quanto costa il concime e le segmenti? Già, noi usando la Carta di Credito e non vi accorgete delle spese Bancarie e taeg sì? Ebbene, come mai Renzi vuol violentare alla Jeanne più di 60.000.000 di Cittadini e di far pagare il Canone Rai-Tv, quando è Società di Capitale (S.P.A.), deve trovare le risorse dalla Pubblicità? E non sarebbe un ottimo business vendendola o trasformarla in Public Company mettendo fine agli sprechi? Secondo voi, non è vero che assistiamo a stupidi programmi a conduzione di 4 big con cachet milionario, vi sembra fare Spending Review? Che dire che in Rai, ci sono più Direttori che Giornalisti o ospitare con cachet, tante ignorante "ochette" scosciate opinioniste! No! Canone Rai-Tv! Io, Silvio Berlusconi ed altri mille, a Milano protestando rischiando la galera dall' Escopost per avere l'etere free e di fatti,oggi dopo Mediaset eccovi migliaia di Frequenze segno di Libertà.