BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RETROSCENA/ Napoli, Milano e Roma: gli "stress test" di Renzi preparano il voto

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Qualcuno meno elegante e garbato di Gianni Credit sostiene che Renzi è sembrato in questo caso "tanto greve da sfiorare i comportamenti di Achille Lauro o del venezuelano Hugo Chavez". Esagerazioni, probabilmente, ma intanto lo stress si accumula e ci vorrebbero "Quelli della notte" di Renzo Arbore per farlo passare.

In sostanza, il Paese dovrebbe festeggiare il "rimbalzino" dallo stato di crisi, anche se tra i giovani si conta il 40 per cento in disoccupazione e i segni di crescita sono sempre decimali. Il Paese dovrebbe essere grato a un governo che, per fortuna, si oppone al momento a un presidente dell'Inps (omaggio debenedettiano del gruppo Repubblica), tale Tito Boeri, che si è autopromosso ministro e va in giro a proporre le sue riforme pensionistiche. Il Paese dovrebbe ringraziare una "borghesia stracciona" che è scappata all'estero e un'altra borghesia che è pronta a un "autoritarismo dolce" che dovrebbe, secondo i suoi calcoli, portare l'Italia fuori dalla crisi. Il Paese dovrebbe festeggiare i cambi di umore sulle proposte fiscali, che cambiano da un anno all'altro, tanto da fare andare in tilt commercialisti e avvocati tributaristi.

Che ci sia del metodo in questa strategia stressante se ne erano accorti in Liguria e ora anche in Piemonte, dove persino Sergio Chiamparino sceglie la strada delle dimissioni da governatore della Regione.

Renzi è bravissimo, lo dicono tutti. Ma c'è qualcuno che ritiene che dall'affermazione delle elezioni europee, da quel momento di euforia, si possa, a lungo andare, scontrarsi con uno stato di depressione preoccupante, "bersaniano", se ci è concessa la metafora. E' per questa ragione che, per non accumulare altro stress, qualcuno avanza l'ipotesi che si andrà a votare alle politiche al più presto?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
13/11/2015 - commento (francesco taddei)

il pd è il partito sottomesso alla casta dei magistrati che in cambio dell'impunità concede qualcosa. con de luca il pd ha votato una legge ad personam.