BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PIANO UE ANTITERRORISMO/ Dambruoso: smantellare Schengen è un regalo ai jihadisti

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Da tempo rivendico e chiedo maggiore perfezionamento dei pm, soprattutto in una materia come la lotta al terrorismo con la quale ci troveremo a confrontarci sempre più spesso. Lo sto facendo dal 2001, allorché le prime fasi d’indagine sul terrorismo in Italia mi vedevano direttamente coinvolto. Ci vuole specializzazione. Grazie al mio impegno è stato finalmente formato l’ufficio del procuratore nazionale anti-terrorismo che coordina tutte le indagini italiane svolte dalle singole Procure. In prospettiva è necessario avere anche una sponda da parte della magistratura giudicante: non possiamo affidarci di volta in volta alla buona capacità di lettura del singolo magistrato, ci vuole un minimo di perfezionamento in più e una responsabilizzazione da parte dell’organizzazione giudiziale.

 

Dopo la retata di Merano, sette arrestati su 17 sono già fuori. Perché?

Sette su 17 erano coinvolti solo da materiale indiziario. Fortunatamente ancora oggi non è possibile privare una persona della libertà, se non si ha del materiale che è diventato anche un minimo di prova. Però in un periodo come questo evidentemente ci vuole sensibilità. Io credo che sia stata utilizzata, perché su 17 persone dieci sono rimaste private della loro libertà, mentre le altre sette sono state raggiunte da provvedimenti di espulsione. L’apparato ha quindi funzionato. Mentre in Francia dove i soggetti principalmente coinvolti sono cittadini francesi, neanche la stessa espulsione può funzionare. Quindi noi abbiamo anche la sponda del provvedimento legislativo che ci consente di svolgere un’attività di prevenzione adeguata.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.