BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SALA & GRECO/ Così Corriere e Gabanelli "ridisegnano" la loro Milano

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il procuratore aggiunto di Milano, Francesco Greco (Infophoto)  Il procuratore aggiunto di Milano, Francesco Greco (Infophoto)

La sinistra giudiziaria, in ogni caso, mostra di puntare con molta più decisione e unità sul suo candidato per la Procura: quello dal profilo più moderato, "responsabile" secondo una recente affermazione di Renzi. Un identikit, quello di Greco, che non diversamente da quello di Bruti Liberati appare consono a una Milano degli affari che - nel post-Expo - vuole ripartire: dopo un ventennio in cui lo scontro fra la Procura e il premier-imprenditore milanese Silvio Berlusconi, ha creato turbolenze pesanti e quasi permanenti.

Milano - se non la capitale morale" - ha voglia di ridiventare veramente la "capitale economica" del Paese, dopo una parentesi di lobbyismo romano indotto dalla contaminazione fra il partito-azienda berlusconiano e i Palazzi. E non c'è dubbio che di questa "idea di Milano", Sala e Greco sarebbero i due consoli: due tecnici entrambi collaudati, almeno sulla carta, nell'interpretazione politica delle rispettive amministrazioni locali. Sarebbero anche due nomi "renziani, pur se in misura diversa: Sala correrebbe da candidato politico direttamente indicato dal premier, Greco da un Csm che su un'indispensabile nomina "seria e responsabile" a Milano potrebbe ritrovare un momento di riequilibrio interno. Come ha "responsabilmente" auspicato anche Report.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.