BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO BOSCHI/ Tutto quello che la ministra non ha detto

Pubblicazione:sabato 19 dicembre 2015

Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme (Infophoto) Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme (Infophoto)

In secondo luogo Boschi non ha fatto riferimento ad altri titoli emessi da Banca Etruria: a cominciare dai bond subordinati che sono al centro delle polemiche e soprattutto delle misure di rimborso/risarcimento proposte dal governo di cui Boschi fa parte. Il ministro e/o i sui familiari possiedono o hanno posseduto obbligazioni ibride Etruria dal febbraio 2014 in poi? Se non ne ha mai possedute perché il ministro non ritiene di chiarirlo?

Non ultimo è il tema della partecipazione del ministro a varie riunioni del Consiglio dei ministri. La prima è quella del 20 gennaio scorso, quando il governo varò la riforma-blitz delle Popolari, con rialzi anomali del titoli. La seconda è quella del 19 novembre scorso, quando il governo approvò la direttiva sulle risoluzioni bancarie che ha escluso da rischi legali gli amministratori di banche dissestate con la nuova procedura europea (al di là delle stesse previsioni di base Ue). Il terzo Consiglio dei ministri al quale Boschi non avrebbe dovuto tassativamente partecipare è quello che ha deciso la risoluzione di Banca Etruria, lo scorso 22 novembre.

E naturalmente non possiamo sapere se - al di là di comportamenti formalmente accettabili - Boschi è venuta a conoscenza diretta di informazioni sensibili, eventualmente condivise in modo improprio con soggetti interessati. Ma come ha affermato ieri un anonimo "dirigente dem" citato da ilmessaggero.it, "a differenza di altri casi, come Cancellieri e Lupi per Maria Elena non c'è niente, nè un orologio, nè un'intercettazione". Appunto: solo un'intercettazione giudiziaria informò a suo tempo il parlamento e i cittadini delle manovre del governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio o della soddisfazione del leader Ds, Piero Fassino, per "avere finalmente una banca". Nei confronti del ministro Boschi ci rimarrà per sempre la curiosità: naturalmente "strumentale", ha detto oggi l'interessata, con perentorio tono auto-assolutorio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
21/12/2015 - ma chi investe in subordinated è un risparmiatore (Massimiliano PANIZZA)

Dammi una lametta che mi taglio le vene ...diceva la famosa canzone... una banca che è andata a carte e quarantotto per via di godwill e svalutazioni su immobili mal registrate... non tanto per i bad loans per una volta tanto (le vituperate sofferenze e i prestiti agli amici degli amici) ...non so se il Sor Tiziano avesse degli Immobili finanziati... a tal proposito... anche qui sarà l'autorità giudiziaria ad appurarlo... ma era la Banca più controllata (in quanto quotata !!!)... ci si sta arrovellando in questi giorni su risparmiatori traditi (e allora chi ha investito in bond parmalat [quelli paradossalmente erano più risparmiatori]) e il bel ministro e il suo paparino e il presunto conflitto di interessi ...ma che doveva dire... e ovvio che più lapalissiana di così non poteva essere ...per attacarla che la si attacchi sulla sostanza almeno!

 
19/12/2015 - Domanda (Giuseppe Crippa)

Ma l’elenco dei partecipanti ad una seduta del Consiglio dei Ministri è un documento secretato? In internet non ne ho trovato neppure uno...

 
19/12/2015 - Tanto serena e onesta pare questa Vedova Nera! (orazio adolfo bacci)

Mariuola non mi fai fesso, tanto serena e onesta pare, gatta ci cova (Non il vecchio bar in MonteNapoleone, Milano! ).