BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ In Europa, Mattarella sta con Renzi (contro la Merkel)

Pubblicazione:

Sergio Mattarella (Infophoto)  Sergio Mattarella (Infophoto)

Sull'Europa il capo dello Stato la pensa in modo molto simile a Renzi. Nell'intervento di lunedì ha dichiarato: "Abbiamo il dovere di chiedere, come ha fatto il governo, che siano integralmente onorati gli impegni previsti in materia di unione bancaria. Rassegnarsi a un'unione bancaria lacunosa e vulnerabile, come hanno evidenziato anche l'Ue e la banca centrale, esporrebbe l'intera Europa a rischi di carattere sistemico". Di fatto è un avallo delle posizioni di Renzi nei confronti della Merkel. Sui rapporti con l'Europa non esiste alcun tipo di divaricazione tra Quirinale e Palazzo Chigi.

 

E sull'intervento contro l'Isis?

Mattarella è convinto che l'Italia sia già molto esposta. Noi abbiamo gli istruttori a Erbil e i Tornado in Kuwait. Nell'incontro con il corpo diplomatico ha usato una frase molto involuta ma assolutamente interessante: "Ci fa piacere che la Germania arrivi a fare quello che noi già facciamo da un anno". In questo modo il Quirinale rivendica che l'Italia sta già facendo molto. C'è del resto identità di vedute anche quando Mattarella afferma che in Siria non si può andare alla cieca come si è fatto con la Libia.

 

Ci sono temi che stanno più a cuore a Mattarella che a Renzi?

Sì, sono temi come volontariato, terzo settore, assistenza agli ultimi, dalla disoccupazione all'handicap. Su questi aspetti Mattarella ha lavorato moltissimo, ha dimostrato grande attenzione, dicendo che nel loro complesso le istituzioni non hanno fatto abbastanza.

 

Perché questa insistenza?

Mattarella crede fortemente nel ruolo dei corpi intermedi, dei cittadini che si occupano degli altri e quindi di tutto ciò che è volontariato e che "arriva laddove lo Stato non può e non deve arrivare".

 

Su questo è in contrapposizione con Renzi?

Qualche accenno di differenza c'è. Sollecitare una maggiore attenzione sicuramente vuole dire che su questo lo Stato può fare di più.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.