BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DIETRO LE QUINTE/ Da Renzi a Monti, passando per la Ue: ecco chi affonda l'Italia

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Il problema è che la vicenda Banca Etruria, ben al di là del conflitto di interesse della famiglia Boschi e di cui mi interessa davvero poco, chiama in gioco tutto il problema dei rapporti tra economia e politica. Se ci sfuggisse questo passaggio potremmo anche credere che dopo il voto parlamentare che ha assolto il ministro, salvo qualche sviluppo come lo scontro Renzi-Ue sulla lettera resa nota venerdì, l'intera vicenda fosse chiusa, invece non è così. I poteri cosiddetti tecnici hanno mostrato tutta la loro incapacità di arrivare a soluzioni non dico giuste — perché per definizione non è questo il loro obiettivo — ma neanche efficienti o razionali.  

C'è qualcosa che può invertire la tendenza?
Attualmente no, perché non ci sono più partiti politici. La prima repubblica è finita quando è passata l'idea che non dev'essere più la politica a gestire l'economia, ma deve essere questa ad autogovernarsi secondo le leggi immutabili del mercato. Insomma, dopo il divorzio Tesoro-Bankitalia voluto da Beniamino Andreatta, non restava che spazzare via un'intera classe politica perché non serviva più a niente. A questo ha provveduto dieci anni dopo Tangentopoli assieme al Trattato di Maastricht. Nel frattempo l'economia è diventata finanza, e le caratteristiche di questo rapporto difficile tra politica e finanza si sono esasperate. Si ricorda di chi disse "…Allora abbiamo una banca?"?

E' l'intercettazione della telefonata di Piero Fassino, all'epoca segretario dei Ds, all'allora amministratore delegato di Unipol Giovanni Consorte.
Beh, adesso non è più un partito o un esponente di governo ad avere una banca. Semmai è il contrario. E' davvero un peccato che ci sia sempre di mezzo lo stesso partito. In questo quadro è chiaro che Renzi deve fare la voce grossa con Bruxelles e con le letterine sui bail in nazionali per salvare il salvabile. L'anno prossimo ha elezioni e se la cosa si allarga — e si allargherà — gliela vedo difficile, con o senza Cantone a sbiancare e arbitrare. Altro che mozione sul conflitto interessi. 

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.