BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISCORSO DI FINE ANNO/ Il messaggio di Mattarella a Renzi

Pubblicazione:

Sergio Mattarella (Infophoto)  Sergio Mattarella (Infophoto)

DISCORSO DI FINE ANNO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: IL PUNTO DI PAOLO FRANCHI. “Mattarella è un presidente notaio non per temperamento o per scelta, ma perché questo deve essere il suo compito in tempi di governi forti e di maggioranze stabili. Nell’ipotesi di una crisi istituzionale il capo dello Stato sarebbe però in grado di svolgere il ruolo di primo piano esercitato da Napolitano tra il 2010 e il 2014. Quello che Mattarella non sarà mai è invece un presidente conservatore, come fu a suo tempo Oscar Luigi Scalfaro”. E’ il commento di Paolo Franchi, editorialista del Corriere della Sera, alla vigilia del primo messaggio di fine anno di Sergio Mattarella. Un esordio del fuoco che, però, è stato in parte “oscurato” dal messaggio di martedì scorso di Matteo Renzi, in cui il presidente del Consiglio ha cavalcato i soliti temi ma è apparso anche in difficoltà.

 

Lei che cosa si aspetta che dica il presidente della Repubblica nel suo discorso agli italiani?

Nel discorso di fine anno Mattarella farà riferimento soprattutto all’orgoglio nazionale, un tema presente nello stesso messaggio politico di Renzi. Altri punti del suo intervento saranno la psicologia collettiva degli italiani, il loro impegno, la necessità di non indulgere nel pessimismo. Sarà in sostanza un appello all’ottimismo della volontà. Ma potrebbe toccare anche questioni come il terrorismo e l’immigrazione.

 

Mattarella parlerà senza avere la scrivania davanti. Qual è il senso di questa scelta comunicativa?

Quello di un messaggio stile discorso dal caminetto. Mattarella si presenta come un capo dello Stato che, al di là della maggioranza che lo ha eletto, è il presidente di tutti e parla a tutti senza frapporre neanche simbolicamente tra sé e gli italiani il filtro di una scrivania.

 

Di fronte alle difficoltà di Renzi, con il discorso di fine anno il Quirinale potrebbe tornare a giocare il ruolo di primo piano che aveva con Napolitano?

Il Quirinale è stato il baricentro del sistema politico e istituzionale nel momento di massima crisi politica, dal 2010 al 2014. Nel periodo successivo il baricentro si è spostato quasi completamente su Palazzo Chigi. Non credo che ciò sia avvenuto solo per le differenze caratteriali, umane e politiche tra Napolitano e Mattarella, quanto piuttosto perché oggi c’è un governo che dispone di una discreta maggioranza.

 

Quindi Mattarella continuerà a essere un “presidente-notaio”?

Non è detto. Potrebbe cambiare stile nel caso in cui, per qualsiasi motivo, Renzi fosse effettivamente messo in difficoltà, cosa che per il momento non è realmente accaduta. Se ci si arrivasse i riflettori si sposterebbero nuovamente sul Quirinale. Per ora non siamo ancora in questa situazione, sempre che mai ci si arriverà.

 

Poniamo invece che la leadership di Renzi continui a essere assoluta. A quel punto Mattarella come si porrà?


  PAG. SUCC. >