BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LEGHISMI/ Caro Salvini, a cosa serve essere "diversamente Matteo"?

Matteo Salvini (Infophoto)Matteo Salvini (Infophoto)

Dietro questi scenari ne compare un altro. L’odierna Lega è spaccata in due tra quella del segretario e quella dell’emergente sindaco di Verona e segretario della Liga Veneta Flavio Tosi. Quest’ultimo punta a un centrodestra radicalmente rifatto, che al limite nel medio-lungo periodo accantoni la stessa Lega, per dare vita a quel soggetto di centrodestra formato europeo che possa fare da riferimento all’elettorato moderato. Entrambi guardano all’ormai inevitabile sfaldamento del blocco forzista, e probabilmente nessuno dei due è destinato a prevalere: ciascuno ne erediterà una parte. Il punto è che la linea-Salvini è di stampo isolazionista, con forti difficoltà a fare alleanze con il resto del centrodestra, mentre quella Tosi guarda a un’area composita, ma unita nel tenere come bussola il popolarismo europeo.

Prima o poi queste due linee entreranno in collisione, verosimilmente più prima che poi: le elezioni di primavera chiameranno al voto una sola grande Regione del nord, il Veneto in cui il governatore uscente Zaia, leghista anch’egli, si trova in queste settimane a dover navigare in una sorta di Scilla e Cariddi politiche. A parole, nessuno discute della sua riconferma; il nodo vero sta nel vedere come e con chi. Una situazione cui guarda con comprensibile interesse un centrosinistra che in Veneto è riuscito regolarmente a perdere di brutto, anche per i propri limiti. E che magari stavolta potrebbe invertire la tendenza, sia pure grazie alle più classiche baruffe chioggiotte. Di puro stampo goldoniano, ma con una sostanziale differenza: quelle facevano ridere.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
21/02/2015 - La politica dei pifferai continua (Giovanni Menegatti)

Dopo Almirante-Bossi-Berlusconi-Grillo adesso è arrivato Salvini, l'ultimo dei profeti della nostrana politica Italiana, tutti bravi con i soliti oracoli a incantare gli Italiani ma la Politica con la P maiuscola non si sente. Anche il sottoscritto è capace di dire quello che dice Salvini perche è facile dirlo ma si tratta solo di Demagogia orale per prendere voti. Realizzare quello che dice è impossibile nella situazione attuale, che guarda caso si è creata anche con il contributo della Lega al Governo. Gli emigranti sono venuti in Italia anche quando governava la Lega, i disastri nelle regioni ci sono state quando governava la Lega, le tasse sono aumentate anche quando governava la Lega.Io penso che i discorsi di Matteo Salvini sono di un politico Italiano e non di un Marziano e perciò gli Italiani sapranno giudicare l'ennesimo pifferaio

 
20/02/2015 - salvini isolazionista? (gianni iannelli)

salvini secondo me guarda più lontano di tosi ed ha una visione vincente nel medio-lungo periodo. per esempio il superamento del riferimento europeo è un concetto che va allargandosi in tutta l'opinione pubblica italiana (ed anche europea). al contrario l'europeismo di tosi non farebbe altro che ricondurre la lega all'ovile berlusconiano. berlusconi vede che salvini lo sta soppiantando anche 'nel cuore' di putin, perciò è stato costretto a rincorrere salvini fingendo opposizione a renzi.

 
20/02/2015 - CAMPAGNA ELETTORALE (RUGGIERO DAMBRA)

SALVINI MI SPIEGHI LA BAGARRE CHE IL TUO MIGLIORE AMICO TOSI?PERCHE NON VUOLE CHE VAI A FARE CAMPAGNA ELETTORALE PER TUTTA ITALIA?ORA HO CAPITO LA GRANA CHE AVETE IN VENETO NON VUOLE SPERPERARLA?SE NO FINISCONO I SOLDI E' NON POTETE RUBARE PIU.PER QUELLO CHE AVETE FATTO PER 20 VENTANNI NON POTETE CIRCOLARE A CANTARE STORIE GIA VISTE E RIVISTE