BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ L'Opa ostile di Salvini su Berlusconi & co. nasconde 2 problemi

Pubblicazione:domenica 1 marzo 2015

Gianluca Zaia e Matteo Salvini (Infophoto) Gianluca Zaia e Matteo Salvini (Infophoto)

La grande scommessa è vinta, ma adesso viene il difficile. Matteo Salvini ha riempito Piazza del Popolo, ora però deve decidere come spendere politicamente il consenso che ha dimostrato di avere. E qui viene il difficile. 

Per dimostrare il suo peso politico il leader della Lega ha dovuto mettere in campo uno schieramento estremamente variegato che potrebbe rivelarsi la sua forza, ma anche la sua debolezza. Non c'erano solamente leghisti in piazza a Roma. C'era il partito gemello e satellite nato per conquistare il centro sud, il neonato "Noi con Salvini", c'era la Meloni con i suoi "Fratelli d'Italia", c'era il Pin (Partito Italia Nuova) di Armando Siri, profeta italiano della flat tax (l'aliquota fiscale unica), e c'era anche (o forse soprattutto) la destra estrema di Casa Pound, un compagno di strada che si potrebbe rivelare assai scomodo per il leader del Carroccio.

Su un grande striscione si leggeva: "Berlusconi politicamente morto, meglio soli". Una sintesi impietosa di un sentire largamente diffuso nella base salviniana. Il segretario è parso più cauto, però, lasciando la porta aperta a Forza Italia, a patto che divida definitivamente la sua sua strada da quella di Angelino Alfano. Probabilmente Salvini il contenuto dello striscione sotto sotto lo condivide, ma con una sana dose di realismo sa che al momento la corsa solitaria vorrebbe dire condannarsi all'irrilevanza, a rendere inutili e confinati in un angolo milioni di voti potenziali.

Salvini, invece, vuole vincere, soprattutto in Veneto, non è affatto animato da spirito decoubertiniano. E Forza Italia si attende che da lunedì il dialogo mai interrotto sul Veneto possa riprendere al riparo dall'esigenza di alzare i toni per riempire la piazza. Del resto i fedelissimi di Berlusconi fanno sapere che fra il suo ex delfino e il Carroccio, l'ex Cavaliere non ha dubbi, ed è disposto persino a mettere a rischio la riconferma di Stefano Caldoro in Campania pur di non rinunciare al rapporto privilegiato con la Lega.

A medio e lungo termine, però, diventa sempre più chiaro che è in corso un'Opa leghista sul centro destra. Un'Opa che se non è ostile poco ci manca. Salvini corre da leader, e dimostra grande disinteresse rispetto al ceto politico del fu Pdl che bussa con insistenza alla sua porta. In pochi sono stati "adottati". Sul palco solo la ex deputata Souad Sbai ha preso la parola, in piazza c'era Barbara Saltamartini, pochi altri confusi fra la folla. Intenzione dichiarata di Salvini è di rivolgersi agli elettori moderati, ai tanti che hanno smesso di andare a votare per sfiducia nella politica e nei partiti. 


  PAG. SUCC. >